rotate-mobile
Cronaca

Alluvione Modena, niente caccia nelle zone colpite dal maltempo

"I divieti - sottolinea Luca Gozzoli, assessore provinciale alle Politiche faunistiche - scaturiscono dalla necessità di consentire un più efficace e rapido riequilibrio in un'area dove anche la fauna è stata duramente colpita"

Niente caccia nelle zone alluvionate del modenese. A stabilire che in tutta l'area allagata dall'esondazione del 19 gennaio non si potrà cacciare la piccola fauna stanziale come lepri e fagiani è il calendario venatorio 2014-2015 approvato oggi dalla giunta provinciale di Modena. "I divieti per le zone alluvionate - sottolinea Luca Gozzoli, assessore provinciale alle Politiche faunistiche- scaturiscono dalla necessità di consentire un più efficace e rapido riequilibrio in un'area dove anche la fauna è stata duramente colpita dall'alluvione".

Il calendario prevede anche altre novità tipo "l'obbligo di indossare indumenti a visibilità alta per i cacciatori alla piccola fauna stanziale e alla beccaccia", che frequentano "le aree dove si svolge la caccia collettiva al cinghiale che parte dal 1 ottobre". Il calendario indica, infine, le date principali che scandiscono l'attività nella prossima stagione: la caccia alla selvaggina stanziale che coinvolge oltre sei mila doppiette partirà domenica 21 settembre per chiudere il 7 dicembre e sarà anticipata, dal 1 settembre, da sei giornate di preapertura con limitazioni.

(Fonte Dire)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alluvione Modena, niente caccia nelle zone colpite dal maltempo

ModenaToday è in caricamento