menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aggredito a bottigliate per un debito di droga, tre giovani in carcere

E' accaduto il 23 agosto scorso, a Modena. Le indagini si sono concluse qualche giorno fa con l'esecuzione della misura di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP

Il teatro della vicenda, consumatasi il 23 agosto scorso, è il centro storico di Modena, in via Sgarzeria, angolo Corso Cavour. Erano circa le tre del mattino quando un passante, vedendo un uomo ferito alla testa riverso a terra privo di sensi, ha chiamato i soccorsi. Sul posto sono intervenuti Polizia e sanitari del 118, che hanno provveduto a portare in ospedale l'uomo, poi identificato come un cittadino marocchino con regolare permesso di soggiorno.

L'uomo, dimesso dall'ospedale con una prognosi di dieci giorni, aveva in seguito raccontato agli agenti di essere stato aggredito da tre persone per un debito di droga, ammettendo di avere acquistato dagli stessi -qualche giorno prima- 20 euro di cannabis, senza però saldare il conto. Stava quindi nella ritorsione la ragione della violenta aggressione che lo aveva visto protagonista: era infatti prima stato bloccato da uno dei tre, per poi essere colpito brutalmente alla testa con una bottiglia di vetro. Una volta persi i sensi, era stato quindi derubato del cellulare e del portafogli, contenente un centinaio di euro; e poi abbandonato al suo destino.

In seguito al racconto sono state avviate le indagini, che hanno condotto la Squadra Mobile all'identificazione degli aggressori, riconosciuti tramite fotografie anche dalla vittima: si tratta di due ragazzi marocchini di 21 anni e di un tunisino di 22, tutti pluripregiudicati. Uno di loro è stato facilmente rintracciato dagli agenti poichè agli arresti domiciliari per un reato commesso nel frattempo; mentre il ritrovamento degli altri due è stato reso più difficoltoso dal fatto che non avessero una fissa dimora. Sono comunque stati scovati nelle case di chi li ospitava, rispettivamente in via Ganaceto e Via San Giacomo.

La settimana scorsa, il GIP - su richiesta del PM Francesca Graziano - ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguita dagli agenti in data 11 dicembre. I tre giovani si trovano ora in carcere, con l'accusa di rapina aggravata, lesioni personali e cessione di stupefacenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento