rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Cronaca Strada Sant'Anna / Strada Sant'Anna

Carcere Sant'Anna, Maletti: "Sovraffollamento, aprire subito la nuova ala"

Francesca Maletti, assessore comunale alle politiche sociali: " l’apertura della nuova ala del carcere di Sant’Anna avvenga il prima possibile senza che ciò comporti un aumento di detenuti"

Nei giorni scorsi avevamo parlato dell’arrivo di ben 88 agenti di polizia penitenziaria distribuiti in Emilia Romagna. In seguito a questa notizia l’assessore alle Politiche sociali, sanitarie e abitative del Comune di Modena Francesca Maletti è intervenuta in occasione della Giornata della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo: “Auspichiamo, come Amministrazione che l’apertura della nuova ala del carcere di Sant’Anna avvenga il prima possibile senza che ciò comporti un aumento di detenuti, così da distribuire quelli già presenti in modo più equo rispetto agli spazi esistenti e ridurre la situazione di sovraffollamento”.

“L’obiettivo delle pene detentive è la rieducazione del detenuto, così da evitare o almeno limitare la recidività dei reati e da offrire strumenti che possano favorire il suo rientro nella società, ciò significa mettere in campo una serie di azioni che favoriscano questo cambiamento e garantire a detenuti negli istituti di pena e internati nelle case di lavoro, così come agli altri cittadini, il rispetto dei diritti dell’uomo espressi dalla dichiarazione universale”.

A causa del sovraffollamento delle carceri e della mancanza di certezza rispetto alla durata della pena degli internati, però, “non sempre tali diritti vengono garantiti”, aggiunge ancora l’assessore, che sottolinea come nonostante ciò, “grazie alla sinergia tra direzioni degli istituti, disponibilità degli operatori che vi lavorano (guardie carcerarie ed educatori), associazioni di volontariato del settore e Amministrazioni comunali, nella nostra provincia si sono concretizzati percorsi importanti.

Attraverso esperienze come i tirocini formativi realizzati, le attività didattiche e quelle messe in campo dalle associazioni di volontariato, prosegue l’assessore, è stata resa effettiva l’esigibilità di alcuni diritti citati dalla Carta. Da non dimenticare, ad esempio, la significativa esperienza che a partire dai mesi estivi ha visto alcuni detenuti svolgere attività di volontariato nei territori colpiti dal sisma”. Maletti esprime infine la speranza che “la Casa di lavoro di Saliceta San Giuliano non venga riaperta e che gli internati possano essere trasferiti in maniera definitiva presso altre case di lavoro, viste le condizioni di inagibilità della struttura che si sono venute a creare nel corso degli anni e che si sono acuite con il terremoto”. L’assessore ricorda infine che avere nella stessa provincia due delle quattro case di lavoro esistenti sul territorio nazionale “non consente la possibilità di inserimento prevista nella società, a causa dell’alto numero di internati”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carcere Sant'Anna, Maletti: "Sovraffollamento, aprire subito la nuova ala"

ModenaToday è in caricamento