Castelfranco Emilia: sequestrato centro benessere a "luci rosse"

Arresto per violazione della Legge Merlin per tre donne di nazionalità cinese, le quali avevano aperto da poco più di un mese un esercizio in via Circondaria Sud con cui potevano offrire prestazioni sessuali di varia natura

Il centro benessere posto sotto sequestro

Un centro benessere di fatto adibito a casa di prostituzione è stato posto sotto sequestro dai Carabinieri a Castelfranco Emilia: l'indagine ha consentito agli operatori dell'Arma di trarre in arresto in flagranza di reato i gestori del centro, tre donne cinesi. L'attività, ubicata in via Circondaria Sud, in pieno centro cittadino, era stata aperta da poco più di un mese.

La indagini hanno consentito di appurare come la quasi totalità della clientela, esclusivamente di sesso maschile, fruisse di prestazioni sessuali offerte al prezzo di 50 o 70 euro, prezzo variabile a seconda del tipo di prestazione offerta dalle stesse gestrici del centro benessere, tre cinesi di 28, 31 e 34 anni, incensurate e regolari sul territorio nazionale. 

Per tutte e tre è scattato l’arresto con l’accusa di aver attivato e gestito una casa di prostituzione, in violazione delle specifiche disposizioni della Legge Merlin. Un’altra loro connazionale, titolare del contratto d’affitto dei locali del centro benessere, è stata invece denunciata a piede libero, in quanto ritenuta responsabile del reato di favoreggiamento della prostituzione. Oltre al sequestro preventivo dell’intero immobile, durante la perquisizione, i militari dell’Arma hanno sequestrato documenti e materiali comprovanti l’attività illecita e la somma di 10mila euro in contanti ritenuta provento delle prestazioni sessuali. All’interno del centro non è stata rinvenuta nessuna documentazione di natura fiscale e contabile relativa ad eventuali prestazioni "lecite" che, qualora fossero mai state effettuate, sono state pagate evidentemente “in nero”. 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

Torna su
ModenaToday è in caricamento