rotate-mobile
Cronaca Via Giorgio Perlasca

Via Perlasca: centro massaggi "hard" chiuso dai Carabinieri

Le "prestazioni" venivano fornite a eventuale corredo del normale massaggio, a richiesta, con un sovrapprezzo fra 20 e 50 euro. Quattro denunce per favoreggiamento e attivazione di una casa di prostituzione

Oltre a un vario assortimento di massaggi ufficialmente reclamizzati tramite pubblicità, ai clienti venivano offerte anche prestazioni sessuali a pagamento. Questo quanto accadeva in un centro massaggi gestito da cinesi in via Giorgio Perlasca sequestrato dai Carabinieri della Compagnia di Modena.

Secondo quanto emerso dalle indagini dell'Arma, tali prestazioni, che comunque non risultano essere state rapporti completi, venivano fornite a corredo “eventuale” del normale massaggio, qualora il cliente ne avesse fatto richiesta, pagando ovviamente un sovrapprezzo variabile dai 20 ai 50 euro in aggiunta al costo ordinario. In effetti, quando i militari hanno fatto irruzione nel centro hanno sorpreso un cliente (un professionista modenese di 45 anni) che, finito il massaggio, si apprestava ad usufruire della prestazione extra da parte di una delle "operatrici" addette.

Oltre al sequestro, i militari hanno proceduto a denunciare a piede libero alla Procura della Repubblica di Modena: il titolare dell’impresa W. Y. (cinese 38enne), il suo collaboratore W.J. (cinese, 35enne) nonché due delle massaggiatrici del centro, anch’esse cinesi di 32 e 33 anni, risultate regolarmente assunte. Visti gli atti, l’Autorità Giudiziaria ha inscritto tutti e quattro i denunciati nel registrato degli indagati per i reati di favoreggiamento della prostituzione e attivazione di una casa di prostituzione, mentre il G.i.p. ha convalidato il sequestro del centro massaggi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Perlasca: centro massaggi "hard" chiuso dai Carabinieri

ModenaToday è in caricamento