rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

Tra calcio e ristorazione, chi è Biagio Passaro arrestato per l'assalto alla sede della Cgil

Aveva documentato con foto e video, sul proprio profilo Facebook, le tappe della giornata. Compreso l’assalto alla sede della Cgil: "Ragazzi, si sfonda". Gestisce sei ristoranti ed è stato dirigente nel calcio dilettantistico

Fra gli arrestati per gli scontri di sabato 9 ottobre a Roma c’è anche il leader del movimento ‘IoApro’ Biagio Passaro. Aveva documentato con foto e video, sul proprio profilo Facebook, le tappe della giornata. Compreso l’assalto alla sede della Cgil, commentando: "Si sfonda". Video poi seguito da una serie di fotografie con la didiascalia 'Roma invasa'.  Il filmato condiviso in diretta su Facebook sulla pagina del movimento mostrava la folla inferocita che devastava i locali del principale sindacato italiano. Passaro è tra i 12 arrestati: è stato Identificato grazie al video che lui stesso ha pubblicato. “"Ragazzi, IoApro e tutti hanno invaso la Cgil", dice infatti lui stesso durante una diretta su Facebook mentre testimonia gli atti di vandalismo all’interno della sede del sindacato.

Il video inedito dell’assalto alla sede della CGIL a Roma

Passaro è conosciuto nella provincia modenese: è infatti brand manager del franchising Regina Margherita Group, catena di pizzerie e ristoranti napoletani, che conta diversi locali tra Modena e Bologna. Compreso il locale di via Giardini gestito da un altro nome al centro delle cronache degli ultimi mesi, quel Hermes Ferrari vestito da "sciamano" alle manifestazioni di #IoApro.

Oltre alla ristorazione, Passaro ha guidato anche due società calcistiche dilettantistiche, la Vignolese e il Castelvetro, con il quale ha aperto un contenzioso, chiedendo il fallimento per il mancato ripianamento di un prestito.

Biagio Passaro del Movimento IoApro

Biagio Passaro era tra i 120 passeggeri del pullman identificati ad aprile, quando diversi ristoratori erano partiti dall’Emilia Romagna per la manifestazione contro le limitazioni alle attività commerciali organizzata dal movimento Io Apro a Roma. Sempre critico nei confronti delle scelte del Governo durante la pandemia, Passaro aveva espresso anche la volontà di fondare un proprio partito. A Bologna aveva fatto parlare di sé quando, ad aprile, aveva deciso di riaprire la sua pizzeria in anticipo rispetto alle decisioni del Governo. Al Regina Margherita di via Santo Stefano Passaro aveva aperto il locale seguendo le indicazioni del movimento IoApro, che appunto invitava i ristoratori ad aprire nonostante gli stop del Governo: "Non siamo negazionisti, io a volte non porto la mascherina ma perché ho già avuto il Covid", diceva.

Assalto Cgil Roma. Arrestato il modenese Passaro, leader di IoApro

Tre anni lontano da Fidenza, foglio di via per lo “sciamano”

Senza mascherina, poi aggredisce un passante con una testata

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tra calcio e ristorazione, chi è Biagio Passaro arrestato per l'assalto alla sede della Cgil

ModenaToday è in caricamento