rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Cronaca San Cataldo / Strada San Cataldo, 80

San Cataldo: cimitero, impianto di cremazione entro il 2012

Costerà più di due milioni di euro l'impianto che dovrebbe essere ultimato entro l'ottobre dell'anno prossimo: un raggruppamento temporaneo di imprese progetterà, costruirà e gestirà la struttura. Domanda in costante aumento

Entro la fine dell'anno prossimo, Modena disporrà di un impianto per la cremazione delle salme nel cimitero di san Cataldo. Il Comune ha sottoscritto un contratto con un raggruppamento temporaneo di imprese (Consorzio Co&Ge di Imola, Officine Meccaniche Ciroldi spa di Ganaceto, Studio Ti società cooperativa di Rimini e Ser.Cim srl di Bologna) per progettare, costruire e gestire, in collaborazione con l'Amministrazione comunale di Carpi, un impianto a due forni. I lavori inizieranno entro la fine di settembre e termineranno entro il mese di ottobre del prossimo anno.

I LAVORI - L'intervento, che richiede un investimento di 2 milioni 152 mila euro oltre agli oneri di progettazione e Iva, è a carico dell'aggiudicatario della concessione, che come controprestazione avrà il diritto di sfruttare economicamente e funzionalmente il centro di cremazione per 15 anni. Parte delle tariffe sulle prestazioni saranno corrisposte all'Amministrazione per le quote previste in sede di gara.

L'IMPIANTO - L'impianto occuperà parte di un immobile storico di oltre mille metri quadrati su tre piani che si trova sul fronte nord del cimitero di san Cataldo (ingresso da via San Cataldo 80) e sul lato est della chiesa monumentale. Originariamente i locali ospitavano, oltre alla camera mortuaria, gli uffici, l'abitazione del custode e altri locali per il personale. Al piano terra verrà valorizzata l'ex camera ardente, un grande locale coperto a volta che sarà destinato a ufficio di informazione e gestione cimiteriale, mentre la restante superficie ospiterà i due forni crematori con il relativo ufficio. Ai piani superiori, accessibili anche con un ascensore-montacarichi, saranno invece ospitati il deposito salme, la sezione di trattamento dei fumi e i locali a uso spogliatoi sia per la cremazione che per i servizi cimiteriali.

RICHIESTE - L'impianto offrirà un servizio sempre più richiesto dalla cittadinanza", osserva Simona Arletti, assessore comunale alla Polizia mortuaria. "Negli ultimi anni la richiesta di cremazione è cresciuta e nel 2010 ha rappresentato il 30- 35% circa della domanda. L'impianto servirà tutta la provincia, con precedenza ai cittadini di Modena e Carpi, colmando la carenza di tale servizio sul territorio modenese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Cataldo: cimitero, impianto di cremazione entro il 2012

ModenaToday è in caricamento