Nasconde uno zaino con l'hashish per evitare un controllo, fermato la Novi Sad

Dopo il controllo della pattuglia dell'Esercito Italiano al Parco Novi Sad, riprende lo zaino nascosto in un cassonetto ma viene visto dai soldati che lo fermano e trovano hashish al suo interno

E' trentenne e senza documenti, nè permesso di soggiorno, lo spacciatore marocchino che è stato fermato ieri sera al Parco Novi Sad dalla pattuglia dell'Esercito Italiano durante l'Operazione Strade Sicure che da tempo coinvolge i militari nelle zone più critiche della città. Il ragazzo appena ha visto arrivare i soldati ha nascosto uno zaino in un cassonetto del pattume, quindi una volta che è stato controllato ha atteso che gli uomini in divisa si allontanassero per riprenderlo.

Tuttavia, i militari lo hanno visto prendere lo zaino dal cassonetto e gli hanno intimato di fermarsi, ma lui ha deciso di darsi alla fuga. Una corsa breve, però, visto che le forze dell'ordine lo hanno raggiunto e bloccato per poi essere affidato alla Polizia intervenuta sul posto. All'interno dello zaino sono stati trovati due pezzi di hashish di oltre 52 grammi, che sono costati al nordafricano la denuncia per detenzione ai fini di spaccio e il trasferimento in un centro rimpatri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Coronavirus, si conferma il calo in regione. Ma anche oggi 50 decessi

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

Torna su
ModenaToday è in caricamento