rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca Modena Est / Strada Minutara

Tamponi, un'altra mattinata di lunghe attese all'Hub di Modena

In funzione la nuova viabilità interna dell'ex Caserma, ma l'alto afflusso comporta ancora disagi e attese medie di tre ore

Anche oggi la mattinata presso l'hub dei tamponi di strada Minutara è iniziata all'insegna della congestione. Già dalle 7 di mattina centinaia di persone si sono riversate presso l'ex caserma dell'Aeronautica, intasando in breve tempo la viabilità di strada Minutara.

Come preannunciato, l'Ausl ha attivato una nuova organizzazione interna dell'area, facendo compiere alle auto un percorso molto più ampio lungo il perimetro della caserma per decongestionare la viabilità ordinaria. Tuttavia la presenza di utenti era così alta che anche strada Minutara si è rapidamente bloccata in ambo i sensi di marcia, andando poi a paralizzare a tratti anche via Divisione Acqui. 

La Polizia Locale, giunta alle ore 8, ha iniziato a gestire il traffico, deviando le auto sul percorso stabilito. Parimenti, personale dell'Esercito e volontari della Croce Rossa stanno gestendo il flusso all'ingresso dell'area, indirizzando chi deve effettuare il tampone nella rispettiva fila e chi deve invece effettuare il vaccino su un nuovo percorso diretto vero gli hangar vaccinali. Purtroppo la segnaletica interna non è ancora stata adeguata e questo ha creato qualche incomprensione e ritardi anche per chi doveva effettuare il vaccino (per il quale le attese non sono eccessive).

Aldilà della viabilità, il problema a monte rimane. Tantissimi utenti per sole tre postazioni di tamponi (due per chi arriva in auto, una per chi è a piedi). Ipotizzando un afflusso di un migliaio di persone e un tempo medio di tre minuti a tampone - e gli operatori non sono certo robot, anzi, lavorano da tempo sotto molta pressione - servirebbero comunque almeno 16 ore per smaltire il lavoro giornaliero. Il risultato verificato stamane alle ore 10.30, con un sondaggio fra le persone in fila, l'attesa media era di tre ore per chi veniva in auto e di 90 minuti per chi era giunto a piedi.

Proprio in merito a quest'ultima opportunità, pare che molti modenesi la stiano cogliendo, in quanto i tempi di attesa sono inferiori rispetto all'auto. Tuttavia si assiste ad un effetto boomerang: durante il nostro sopralluogo odierno la coda a piedi è raddoppiata nell'arco di alcuni minuti: almeno un centinaio le persone in attesa, tra cui anche molte famiglie con bambini. Non certo nelle condizioni climatiche ideali.

Se i numeri del contagio dovessero mantenersi ai livelli degli ultimi giorni, pare abbstanza evidente che l'attuale assetto per l'esecuzione dei tamponi non possa reggere ulteriormente. Allo studio vi è anche la riapertura di postazioni presso il PalaPanini, come nella prima fase della pandemia, ma tutto è inevitabilmente vincolato alla disponibilità di personale che l'Ausl potrà dedicare a questo servizio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tamponi, un'altra mattinata di lunghe attese all'Hub di Modena

ModenaToday è in caricamento