rotate-mobile
Cronaca Sant'Agnese / Via Vignolese, 671

Campus Modena, ormai conclusi i lavori nel nuovo studentato da 11 milioni

Il nuovo Campus Modena potrà ospitare 240 studenti. Collaudi ormai ultimati, a breve l'inaugurazione. L'affitto calmierato costerà 270 euro al mese, grazie ad una concessione in project financing ai privati per 33 anni

Inizieranno ad entrare a breve gli studenti nel nuovo campus dell'Università di Modena e Reggio Emilia. I lavori nell'area di via Vignolese, a Modena, sono terminati di recente: pochi giorni fa ci sono stati gli ultimi collaudi alle due torri, il cuore dell'opera, e risulta tutto in regola. La delibera relativa al progetto, ribattezzata "Campus Campi", è approdata ieri sera in commissione in Comune in presenza dell'assessore all'Urbanistica Anna Maria Vandelli e della dirigente all'edilizia sociale Loriana Bergianti. In ballo c'è un project financing per la gestione di alloggi a canone concordato, riservati agli studenti ma anche al personale universitario.

Il progetto è stato lanciato dal Comune nel 2007 con la previsione iniziale di 500 posti letto (altre due torri) condivisa da Unimore e dall'azienda regionale per il diritto allo studio Arestud, oggi Ergo. Attraverso un bando di gara pubblica è stata selezionata la società Campus Modena srl, mirata alla realizzazione e alla gestione di tutta la struttura per ben 33 anni.

L'opera è già stata pagata: tra i finanziamenti intercettati ci sono stati il bando regionale "3.000 case per l'affitto", un mutuo agevolato, con un contributo per l'abbattimento del canone di locazione pari a mezzo milione di euro a testa tra Comune e Unimore, oltre a 300.000 euro della Regione. Il costo totale dello stralcio attuale, con 60 alloggi per 240 posti letto a 270 euro mensili di canone di locazione, è di circa 11 milioni di euro. Un po' intricato il meccanismo alla base del diritto di superficie dell'opera: la gestione è appunto stata affidata per 33 anni a Campus Modena, per poi tornare al Comune di Modena per altri 11 anni con, alla fine, la retrocessione del diritto di superficie al proprietario originale, ovvero Ergo.

In sostanza, come ha spiegato in commissione l'assessore all'Urbanistica, Ergo da' al Comune il diritto di superficie per 44 anni: il gestore che ha vinto il bando, prima di ripassare la palla all'amministrazione di piazza Grande, dovrà gestire la struttura per 33 anni occupandosi di provvedere a tutte le manutenzioni e alle utenze del caso. Da parte sua, il privato remunererà l'investimento tramite gli affitti, con un ritorno considerato già adeguato a tutti gli interventi previsti. (DIRE)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campus Modena, ormai conclusi i lavori nel nuovo studentato da 11 milioni

ModenaToday è in caricamento