Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Crocetta / Viale Antonio Gramsci

Market etnico di viale Gramsci, il Comune valuta una chiusura per 20 giorni

Le infrazioni rilevate nel corso di ben 42 controlli (in tre mesi) hanno portato ad un procedimento, nel quale ora si stanno valutando le memorie difensive presentate dall'esercizio commerciale. Il sindaco ha risposto all’interrogazione del consigliere Carpentieri (Pd)

Durante la seduta del Consiglio comunale di ieri, giovedì 5 aprile, rispondendo all’interrogazione trasformata in interpellanza del consigliere Antonio Carpentieri (Pd), il sindaco Muzzarelli ha fatto il punto sulla sicurezza in città, con particolare riferimento alla zona di viale Gramsci. Il consigliere ha chiesto in particolare la situazione aggiornata, in termini di sicurezza, relativamente a viale Gramsci e con particolare riferimento a un esercizio commerciale oggetto di segnalazioni per risse, disturbo della quiete pubblica e sottoposto a ripetuti controlli mirati che hanno fatto rilevare una serie di infrazioni sanzionate sotto il profilo amministrativo. Carpentieri ha inoltre domandato quali ulteriori azioni concrete siano state poste in essere dal Comune di Modena, attraverso la Polizia Municipale, e dagli altri soggetti preposti alla sicurezza, per rispondere alle richieste di maggior controllo da parte dei cittadini della zona”.

Il sindaco ha spiegato che nei primi tre mesi del 2018 sono stati 124 i servizi complessivamente svolti, 43 quelli svolti in ausilio o effettuati a seguito di segnalazioni, 42 quelli svolti presso l’esercizio di vicinato in questione. In pratica il market etnico ha subito un controllo ogni due giorni.

Nell’ultimo anno il negozio è stato oggetto di diversi accessi ispettivi da parte della Polizia municipale e dell’Ausl che hanno avuto come esiti una violazione al Regolamento di Polizia Urbana poiché alcuni generi alimentari venduti erano esposti senza rispettare le dovute prescrizioni, un sequestro preventivo sanitario di merce alimentare per l’inadeguata conservazione e la non rintracciabilità, con accertamento di violazioni amministrative e trasmissione atti all’Autorità giudiziaria, una nuova contestazione di violazione amministrativa per prodotti in vendita, alcuni sottoposti a sequestro amministrativo, e la segnalazione di scorretta conservazione degli alimenti al Dipartimento di Sanità pubblica, e un ennesimo accertamento delle medesime violazioni.

“La Municipale – ha spiegato Muzzarelli – ha stilato un’ampia relazione per documentare la reiterazione delle violazioni amministrative da parte del gestore dell’attività e il settore Economia del Comune ha avviato un’istruttoria amministrativa per giungere alla sospensione dell’attività di vendita per un periodo di 20 giorni. In questi giorni – ha proseguito – sono però pervenuti da parte del legale del gestore, memorie difensive che dovranno essere valutate nel procedimento che quindi non è ancora giunto all’esito finale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Market etnico di viale Gramsci, il Comune valuta una chiusura per 20 giorni

ModenaToday è in caricamento