rotate-mobile
Cronaca

Ricorso contro gli autovelox, il Comune: "Tutti revisionati"

L'Amministrazione modenese replica al Codacons: i controlli e le tarature affidate a un soggetto esterno certificato. Due dispositivi sono ora in manutenzione. Velomatic e due telelaser sono stati verificati negli ultimi mesi

I due dispositivi di autovelox Sodi 105SE utilizzati dalla Polizia municipale di Modena sono già stati sottoposti a taratura, o più precisamente a verifica metrologica, nel corso del 2014 e sono attualmente in manutenzione, operazione che si concluderà a giorni con una nuova taratura. Il dispositivo velomatic 512D è invece stato sottoposto a taratura, con dichiarazione di conformità, lo scorso settembre e i due telelaser a gennaio e febbraio del 2015.

Lo precisa il comandante della Polizia municipale del Comune di Modena, specificando che è prassi del Corpo effettuare con regolarità la manutenzione periodica degli strumenti elettronici di accertamento affidando i controlli a un laboratorio esterno certificato dall’ente nazionale di accreditamento Accredia.

Una precisazione che arriva all'indomani della denuncia del Codacons, che in Emilia Romagna affila le armi legali dopo la sentenza della Corte Costituzionale che stabilisce come gli autovelox, ai fini della correttezza delle multe elevate, debbano essere obbligatoriamente sottoposti a verifiche e tarature periodiche.

“E’ evidente come, dopo la sentenza della Consulta, le multe elevate da apparecchi non verificati e tarati siano assolutamente nulle – aveva affermato il presidente Codacons Carlo Rienzi – Questa sentenza apre uno scenario senza precedenti: sarà possibile ora ottenere l’annullamento di migliaia e migliaia di multe per eccesso di velocità, laddove i Comuni non abbiano eseguito la manutenzione prevista dalla Corte Costituzionale”.

L'associazione dei consumatori ha infatti annunciato l’arrivo di una valanga di ricorsi a tutela degli automobilisti della Emilia Romagna. “Siamo a favore della sicurezza stradale, ma contro lo strumento dell’autovelox, a maggior ragione se viene utilizzato dalle amministrazioni comunali al solo scopo di far cassa. Per tale motivo – precisa Rienzi – stiamo studiando azioni legali da intraprendere in tutti i comuni della regione, al fine di far ottenere agli automobilisti multati il rimborso delle somme spese per le infrazioni registrate da autovelox non a norma”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricorso contro gli autovelox, il Comune: "Tutti revisionati"

ModenaToday è in caricamento