rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Sassuolo

Guai in casa Cannavaro, il difensore del Sassuolo condannato a sei mesi

I due fratelli Cannavaro hanno incassato l'archiviazione del reato di abuso edilizio, ma sono stati condannati per la violazione dei sigilli nella loro villa di Posillipo. Sei mesi per il sassolese, dieci per Fabio

L'ex capitano della Nazionale Fabio Cannavaro e suo fratello Paolo, ora in forza al Sassuolo, sono stati condannati rispettivamente a dieci e sei mesi per la violazione dei sigilli nella villa di Posillipo (Napoli), di cui Paolo era custode.

I Carabinieri della stazione Posillipo, diretti dal luogotenente Tommaso Fiorentino, scoprirono che nella villa sulla collina di Posillipo vennero violati i sigilli apposti alla struttura nei pressi della piscina. Condanna di primo grado anche per la moglie di Fabio, Daniela Arenoso, e per il costruttore. Archiviato invece l'abuso edilizio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guai in casa Cannavaro, il difensore del Sassuolo condannato a sei mesi

ModenaToday è in caricamento