Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Evasione fiscale, confiscati beni per 300mila ad un imprenditore carpigiano

Condannato per fatti risalenti a ormai 10 anni fa: confiscati anche due immobili, fittiziamente intestati alla figlia

Due immobili del valore complessivo di oltre euro 300.000 sono stati confiscati dai finanzieri del Comando Provinciale di Modena nei confronti del rappresentante legale di una società carpigiana operante nel settore tessile che, in maniera consapevole e fraudolenta, si era sottratto al versamento dell’Iva connessa alla sua attività imprenditoriale.

L’esecuzione del provvedimento giunge al termine dell’iter giudiziario che ha visto l’imprenditore condannato con sentenza definitiva di condanna con la quale, tra l’altro, è stata disposta l’aggressione del patrimonio personale accumulato anche a seguito delle pregresse imposte non versate all’erario.

L’attività ha origine nel 2010 quando venne accertato a carico della società carpigiana il mancato versamento dell’imposta sul valore aggiunto per complessivi 308.000 euro. Le successive indagini portavano inoltre alla luce il tentativo estremo realizzato dall’imprenditore che aveva pensato di spossessarsi dei propri beni donandoli alla figlia, compresi i due immobili oggi confiscati, già sottoposti a sequestro preventivo.

L’iter giudiziario si è concluso soltanto nei giorni scorsi con il definitivo provvedimento di confisca delle citate possidenze immobiliari emesso dalla Corte d’Appello di Bologna a conferma del giudizio di primo grado del Tribunale di Modena ed eseguito dalle Fiamme Gialle della Compagnia Carpi per il controvalore di euro 306.000. In tutto ciò la descritta condotta illecita, attraverso l’evidente indebito risparmio d’imposta, ha permesso all’impresa in questione di competere sul mercato in condizioni indebitamente privilegiate nello specifico settore merceologico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evasione fiscale, confiscati beni per 300mila ad un imprenditore carpigiano

ModenaToday è in caricamento