rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Hera: per un centro storico più bello, ecco il primo contenitore di arredo urbano

È partito ieri il posizionamento delle 120 mini-isole per la raccolta stradale dei rifiuti che sostituiranno i tradizionali contenitori del Centro Storico; un progetto voluto dal Comune di Modena per incrementare la raccolta differenziata e abbellire le strade della città

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

È partito ieri da Largo San Giorgio, nel cuore del centro storico di Modena, la posa dei primi contenitori di arredo urbano ideati nell’ambito del progetto di riorganizzazione della raccolta differenziata. Sono contenitori color acciaio corten, quindi poco impattanti nel contesto architettonico del centro, e sono caratterizzati da disegni e messaggi a scopo educativo. Dotati di un QR code, leggibile con smartphone, permetteranno il collegamento a www.ilrifiutologo.it, la app che consente di informarsi sul corretto conferimento dei materiali.

Saranno 120 le mini-isole che, a progetto concluso, occuperanno le strade del centro per il conferimento di vetro e rifiuti organici. “L’introduzione della raccolta dell’organico rappresenta un’importante novità – dice Alberto Santini, Responsabile Servizi Ambientali Hera di Modena e Ferrara. L’organico rappresenta infatti una componente molto significativa dei rifiuti domestici e, se correttamente trattato, può trasformarsi in compost, un materiale del tutto naturale e prezioso per la concimazione dei terreni”.

La posa del primo contenitore è solo un tassello di un progetto più complesso, avviato a febbraio con il rinnovo dei contenitori nella parte fuori le mura della Circoscrizione 1, e proseguirà con l’introduzione della raccolta porta a porta di carta e cartone, plastica e lattine nella porzione di centro storico delimitata da Largo Sant’Agostino, Via Emilia Centro, Corso Duomo, Corso Canalchiaro, Largo San Francesco, Calle di Luca, Via Vittorio Veneto.

La riorganizzazione prevede anche continue attività di informazione e sensibilizzazione della cittadinanza. Hera, infatti, è stata presente nelle piazze tutti i sabati pomeriggio di febbraio per spiegare agli oltre 300 cittadini che hanno visitato gli info point i cambiamenti previsti nella raccolta dei rifiuti. Per le 1.500 famiglie che saranno coinvolte nella raccolta porta a porta sarà invece previsto un tutoraggio informativo.

“Questo progetto – continua l’Assessore Arletti – rappresenta un grande passo in avanti per la città e per il centro Storico di Modena, che presto sarà senz’altro più bello e più rispettoso nei confronti dell’ambiente. È molto importante per la nostra Amministrazione creare un forte coinvolgimento della cittadinanza, spiegare le motivazioni che ci hanno portato a questa riorganizzazione, e, ovviamente, incrementare ancora una volta i valori della raccolta differenziata, già alla soglia del 60%”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hera: per un centro storico più bello, ecco il primo contenitore di arredo urbano

ModenaToday è in caricamento