rotate-mobile
Cronaca Carpi

Carabinieri nei bar e nei compro oro di Carpi, irregolarità e multe

Attenzioni concentrate su alcuni esercizi meta di rapinatori che potrebbero aver venduto le loro refurtive. Controlli anche nei bar frequentati da pregiudicati: denuncia per somministrazione di alcool ai minori

Nel corso della settimana i Carabinieri di Carpi hanno eseguito numerosi controlli a diverse tipologie di attività commerciali. Particolare attenzione è stata destinata ad alcuni bar della città, noti per essere un punto di riferimento e di incontro per alcuni pregiudicati che spesso si ritrovano in questi locali, a volte anche arrecando disturbo ad altri avventori. Le verifiche hanno permesso di identificare nel fine settimana oltre 80 persone, di cui una decina di pregiudicati, ma il dato maggiormente preoccupante è stata la presenza di minori che  abusano di superalcolici.

In un bar del centro cittadino, controllato poiché erano stati segnalati comportamenti generalizzati al limite della legalità, i Carabinieri recatisi in borghese hanno sorpreso il gestore mentre somministrava superalcolici, precisamente rum e tequila a cinque ragazzi italiani di età inferiore ai 16 anni e per questo, è scattata la denuncia penale.

Nel corso della mattinata di oggi invece, i militari hanno eseguito controlli anche a quattro “compro oro” della città unitamente a personale della Polizia Municipale delle Terre D’Argine. In ben tre casi, dalle verifiche effettuate sono emerse situazioni di irregolarità. In particolare, un compro oro non aveva effettuato le previste certificazioni delle revisioni periodiche della bilancia adoperata per pesare l’oro acquistato, rendendo di fatto non pienamente affidabile la pesatura dei preziosi venduti dai cittadini. 

Nel secondo caso, non è stata rispettata la normativa vigente inerente ai tempi di attesa per la vendita dell’oro depositato, che impone il divieto di alienazione nei primi 10 giorni. Le normative violate, stringenti in materia a garanzia della liceità delle attività commerciali dei compro oro, determinano sanzioni amministrative rispettivamente di 500 e 300 euro. 

L’elemento ulteriormente preoccupante, sul quale si stanno ora concentrando le indagini, riguarda un terzo “compro oro” dove, dalla disamina dei documenti, è emerso che alcuni pluripregiudicati per reati contro il patrimonio, noti all’Arma, nell’anno in corso si sono recati più volte a vendere oggetti in oro. Le indagini si accentreranno alla verifica di eventuali ipotesi di ricettazione o di furto ad opera dei soggetti in questione.    

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carabinieri nei bar e nei compro oro di Carpi, irregolarità e multe

ModenaToday è in caricamento