rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca

Progetti del Pnrr e legalità, salgono a 55 le imprese passate al setaccio dall'Arma

Proseguono i controlli alle imprese impegnate sul territorio modenese nella realizzazione progetti finanziati nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

Dal gennaio scorso, il Comando Provinciale dei Carabinieri di Modena ha disposto capillarmente, in tutta la provincia, l’esecuzione di controlli mirati alle attività economiche operanti per la realizzazione di progetti finanziati con fondi provenienti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. L'enorme flusso di denaro legato ai progetti che coinvolgono ormai tutti i comuni del territorio richiede infatti molte attenzioni, soprattutto per prevenire e contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata nel tessuto economico e sociale della provincia

Le lezioni apprese nell’ambito della ricostruzione post-sisma che in passato avevano già consentito di scongiurare pervasive infiltrazioni della criminalità organizzata - dalle quali è scaturita l'inchiesta che ha aperto gli occhi sugli affari della 'ndrangheta in Emilia - impongono di continuare a prestare la massima attenzione anche in questa fase.

Già nel mese di aprile scorso, i controlli alle attività economiche erano stati oltre 40. Dall’inizio della campagna di controlli ad oggi, sono state  55 le imprese controllate per lavori appaltati, già avviati e in corso di realizzazione. 

I progetti che usufruiranno in provincia dei fondi europei, per importi considerevoli e che coinvolgeranno numerose imprese modenesi riguardano principalmente interventi sono rivolti alla ristrutturazione e all’adeguamento, sia sismico sia energetico degli edifici pubblici, nonché alla messa in sicurezza e all’implementazione delle viabilità cittadine. 

I controlli vengono eseguiti dalle Tenenze e dalle Stazioni Carabinieri, secondo una pianificazione strategica che coinvolge anche i comparti di Specialità dell’Arma, per le materie di rispettiva competenza. 

Le attività di controllo sono state estese, dalla verifica delle aziende, ai singoli lavoratori, con riferimento ai sistemi di igiene e sicurezza adottati nei luoghi di lavoro, sino a orientare le ispezioni alle altre ditte eventualmente operanti nei cantieri.   La sinergia con le Amministrazioni Comunali e gli altri Enti si è rivelata essenziale per consentire il capillare controllo delle attività impegnate in tali progetti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Progetti del Pnrr e legalità, salgono a 55 le imprese passate al setaccio dall'Arma

ModenaToday è in caricamento