Controlli a tappeto a Carpi, passati al setaccio i centri massaggi cinesi

Perquisiti dai carabinieri sette esercizi, dove sono state controllate 15 lavoratrici orientali. Verifiche si Ausl e Ispettorato del Lavoro

Nella giornata di oggi l'Arma di carpi è stata impegnata con ben 13 pattuglie in una operazione straordinaria: nel mirino dei carabinieri sono finiti i centri massaggi gestiti da cittadini cinesi, che negli ultimi anni hanno conosciuto un vero e proprio boom, nascondendo molto - non è un mistero - attività di prostituzione. Sono stati sette gli esercizi controllati nel corso della giornata, all'interno dei quali sono state identificate nel complesso 15 lavoratrici di nazionalitò cinese.

Tutte le donne erano restribuite con regolare busta paga ed erano in regola con le norme sull'immigrazione. Una di queste annovera un precedente penale per sfruttamento della prostituzione commesso in un centro massaggi di Bologna qualche anno fa, ma al momento non sono emerse nuove contestazioni a suo carico.

Il video dei controlli

Crca una dozzina i clienti identificati nei locali, tutti uomini adulti e residenti nel carpigiano. In prima battuta, dunque, il controllo non ha fatto emergere particolari criticità, ma i dati raccolti verranno poi elaborati anche dall'Ispettorato del Lavoro e dagli uffici dell'Ausl, dalle cui verifiche potrebbero scaturire in seconda battuta provvedimenti nei confronti dei titolari dei centri.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salta la cassa con una tv sotto braccio, stroncata sul nascere l'impresa impossibile di un 31enne

  • Esce di strada con l'auto, morto un 59enne a Manzolino

  • L'ex compagno di classe saluta la sua ragazza, lui lo colpisce con una testata

  • Caduta sulla rotonda di Vaciglio, grave un cicloamatore

  • Sale su un traliccio alla stazione e minaccia di gettarsi, salvata dai Carabinieri

  • Meteo | Torna il caldo con valori fino a +35°C, ma non per molto

Torna su
ModenaToday è in caricamento