Cronaca

I fari della Polizia Stradale puntati su mezzi pesanti e sui trasporti pericolosi

I numeri dell'attività degli agenti modenesi nel mese di ottobre, dove le attività hanno previsto posti di blocco straordinari lungo le principali arterie che attraversano la nostra provincia

Continua incessante l’attività della Polizia Stradale nel contrasto ai comportamenti pericolosi per la circolazione stradale; nel corso del mese di ottobre, nell’ambito di una attività coordinata a livello regionale e nazionale, è stato dato particolare impulso ai controlli nei confronti dei mezzi pesanti adibiti al trasporto di merci pericolose (carburanti, solventi, prodotti corrosivi, ecc.), che posono creare situazioni di estremo pericolo, come insegna quanto accaduto sulla tangenziale di Bologna.

Nel corso dei servizi effettuati nel mese di ottobre , sono stati organizzati 11 posti di controllo, sia sulle arterie di collegamento con le zone produttive della provincia che sui raccordi di accesso ed all’interno della viabilità autostradale, con l’impiego 15 pattuglie, Sono stati controllati circa 60 veicoli pesanti, di cui 5 provenienti da paesi membri dell’Unione europea.Complessivamente sono state accertate 32 violazioni nei confronti di 24 veicoli, attinenti per lo più alla incompletezza della documentazione, ma anche alle dotazioni di sicurezza del veicolo ed al rispetto dei tempi di guida, per un importo complessivo degli illeciti amministrativi accertati prossimo a circa 10.000 euro.

Per quanto riguarda le "normali" contravvenzioni, nell’ultima settimana sono state complessivamente contestate 72 infrazioni alle disposizioni relative alla velocità, di cui ben 13 per velocità superiori a 40 km/h rispetto al limite stabilito, con contestuale ritiro della patente di guida, e 7 contestazioni, sempre relative a violazioni del limite di velocità, nei confronti di conducenti di mezzi pesanti per il trasporto merci.

Nello stesso periodo, sempre sulle strade extraurbane, ben 68 sono state le violazioni relative all’utilizzo di apparecchi telefonici durante la guida, comportamento per cui è prevista la sanzione pecuniaria di euro 161.00 ma soprattutto la decurtazione di cinque punti della patente. Ben 50 sono state le violazioni relative al mancato uso dei sistemi di ritenuta delle persone, in particolare cinture di sicurezza ma anche seggiolini omologati per il trasporto dei bambini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I fari della Polizia Stradale puntati su mezzi pesanti e sui trasporti pericolosi

ModenaToday è in caricamento