rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca

Servizi anticrimine di Polizia di Stato e Guardia di Finanza, 80 persone controllate

Verifiche nelle zone critiche della città: individuati solo due casi di irregolarità nei documenti

Proseguono in città i controlli rafforzati anticrimine finalizzati alla prevenzione e al contrasto dei reati predatori, dello spaccio di sostanze stupefacenti e dell’immigrazione clandestina. L’attività è stata svolta ieri sera, fino a tarda notte, dalla Squadra Volante con l’ausilio di una unità cinofila antidroga della Guardia di Finanza ed il rinforzo del Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato. 

Le pattuglie si sono concentrate principalmente in zona Gramsci, con servizi appiedati nel parco XXII Aprile, la zona Tempio - compresa l’area che insiste sulla stazione ferroviaria fino al cavalcavia Mazzoni – e tutta l’area del Novi Sad.

80 le persone identificate, di cui 16 cittadini stranieri, e 48 i veicoli sottoposti a verifiche, anche con la predisposizione di posti di controllo “ad hoc”, lungo via Montecuccoli e viale Monte Kosica, per il monitoraggio dei flussi veicolari in ingresso ed uscita dalla città.

Proprio nel corso di detti controlli, è stato fermato un autocarro, il cui conducente, un cittadino straniero di 37 anni, residente in provincia e regolare, non ha fornito documenti relativi al veicolo né la patente di guida. Nei suoi confronti, pertanto, sono state elevate sanzioni amministrative per violazioni al Codice della Strada ed il mezzo è stato sottoposto a fermo amministrativo ed affidamento in custodia.

Un altro cittadino straniero di 30 anni, fermato per un controllo intorno alla mezzanotte, in viale Barozzi, è stato denunciato per  inosservanza delle norme sugli stranieri, in quanto inottemperante alla richiesta di esibire un documento valido che attestasse la sua regolare presenza sul territorio.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizi anticrimine di Polizia di Stato e Guardia di Finanza, 80 persone controllate

ModenaToday è in caricamento