rotate-mobile
Cronaca Mirandola

Giro di vite per nella Bassa, controlli a tappeto sugli autotrasportatori

Controlli straordinari sui mezzi pesanti in transito nei comuni dell'Area Nord, elevate molte sanzioni per violazione del codice della strada, oltre che per lavoro nero

Negli ultimi giorni l'attività della Polizia Municipale dell'Area Nord ha portato ad ottimi risultati nei controlli stradali in materia di autotrasporto. In particolare nei comuni di Mirandola, San Possidonio, San Felice e Concordia gli agenti della Polizia Municipale hanno fermato e controllato 40 autocarri e 15 autisti sono stati sanzionati con multe per un totale di circa 3.500 euro e 60 punti complessivi decurtati sulle patenti di guida. Gli agenti hanno svolto scrupolosamente il loro dovere al fine di mantenere la sicurezza stradale, verificando in particolare il rispetto degli orari di guida, dei limiti di velocità, e la funzionalità dei dispositivi d'illuminazione, dei freni e dei tachigrafi.

È così emerso che molti dei fermati hanno superato le 10 ore di guida previste come limite massimo, oppure non hanno rispettato l'imposizione di riposarsi almeno 45 minuti ogni 270 minuti al volante. Alcuni di loro avevano anche superato i limiti di velocità. L'autista maggiormente sanzionato è stato uno straniero, di origini polacche, fermato a Mirandola sulla nuova tangenziale che conduce a Medolla. L'uomo ha ricevuto una multa di 800 euro (che ha dovuto pagare in contanti), mentre dalla patente gli sono stati sottratti otto punti. A San Felice e San Possidonio sono stati sanzionati altri tre guidatori per mancato rispetto dei tempi di guida. A ciascuno di loro è stata fatta una multa di 400 euro e gli sono stati decurtati cinque punti dalla patente di guida.

A Concordia, in via per Novi, un autista sloveno ha superato i limiti di velocità in centro abitato ed è stato sanzionato con una multa da 300 euro che ha dovuto pagare subito in contanti. Nello stesso comune un autista bulgaro è stato sanzionato per mancato rispetto dei limiti di peso. Il dato significativo emerso dai controlli è il seguente: sono aumentate le sanzioni a carico di conducenti di mezzi pesanti stranieri. Tali autisti sono costretti a pagare immediatamente le multe per poter riprendere il viaggio. In caso contrario i mezzi pesanti devono essere sottoposti a fermo amministrativo e trasferiti in deposito in attesa del pagamento delle sanzioni. Nei controlli non sono invece emersi lavoratori abusivi od impiegati in nero.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giro di vite per nella Bassa, controlli a tappeto sugli autotrasportatori

ModenaToday è in caricamento