rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Cronaca

Tutor per i compagni disabili, 300 studenti universitari iniziano il corso

Sono 300 gli studenti iscritti al corso di formazione per diventare tutor di compagni disabili o con disturbi specifici di apprendimento di Unimore. L'Ateneo emiliano da dieci anni pone la sua attenzione sulla cultura della disabilità e gli studenti, che colgono questa sensibilità e l'opportunità di aiutare il prossimo, sono in aumento

Alla decima edizione del corso di formazione per tutor universitari, promosso da Unimore – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, si sono iscritti 300 studenti desiderosi di affiancare i loro compagni di corso con disturbi specifici di apprendimento o con disabilità. 

L’impegno di Unimore, intrapreso nel 2007 quando l’Italia firmò la Convenzione Onu si diritti delle persone con disabilità nella quale si sottolinea l’importanza di svolgere un’opera di sensibilizzazione e di formazione sulla cultura della disabilità, continua ad essere tra le priorità dell’ Ateneo che vede tra i suoi iscritti 276 studenti con disabilità e 267 ragazzi con disturbi specifici di apprendimento. 

La formazione specifica agli studenti, che intendono svolgere il ruolo di tutor a favore di loro compagni di corso con bisogni educativi speciali, si svolge in entrambe le sedi universitarie di Modena e Reggio Emilia, riconosce i Crediti Formativi Universitari e si sviluppa tra temi che spaziano dalla normativa vigente a favore di studenti con disabilità e con DSA, alle diverse tipologie di deficit, alla possibilità di creare una relazione di aiuto e di combattere lo “stigma” che ruota attorno al soggetto con disabilità.

“Si è oramai arrivati alla decima edizione del corso, - afferma la prof.ssa Elisabetta Genovese Delegato per le Disabilità di Unimore - i medesimi anni da quando il nostro Paese ha firmato la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità. Credo che sia importante continuare a compiere questa importante opera di sensibilizzazione e di formazione e favorire l’integrazione universitaria di un sempre maggior numero di soggetti con disabilità e DSA, garantendo loro il diritto allo studio e pari opportunità di formazione che permetta a questi ragazzi di raggiungere i più elevati titoli di studio. E’ importante, inoltre, che questa esperienza non sia limitata al corso, ma venga messa in pratica nella vita quotidiana”.

L’identikit dello studente iscritto al corso di tutorato è variegato, infatti, i ragazzi provengono da tutti i corsi di laurea sia della sede di Modena sia di quella di Reggio Emilia, con un maggior numero di iscritti proveniente dai corsi di Educazione e Scienze Umane, di Scienze della Comunicazione, di Ingegneria, di Medicina e di lauree in ambito sanitario. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutor per i compagni disabili, 300 studenti universitari iniziano il corso

ModenaToday è in caricamento