rotate-mobile
Cronaca Via Emilia Centro

Crisi Accademia di scienze e lettere: 50mila euro dalla Fondazione

Il presidente della Fondazione Crmo Landi: "Il nostro impegno va accompagnato da un confronto sul budget complessivo". Bellei (Lega): "I consiglieri regionali modenesi donino il 50% di un loro stipendio mensile"

Ammonta a 50mila euro il contributo stanziato dal Consiglio di amministrazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena all'Accademia di scienze e lettere. Impegno “significativo nell’attuale contesto economico-finanziario”, così viene definito dal Cda della Fondazione.

LANDI - Il presidente Andrea Landi si ritiene soddisfatto dell'interesse della città verso l'Accademia. Ricorda inoltre come la Fondazione si sia impegnata attivamente per garantire un sostegno che ha consentito all’istituzione di proseguire nella sua attività di ricerca, conservazione e divulgazione della cultura locale. Non solo quest'anno, infatti, la Cassa di Risparmio di Modena ha stanziato fondi per la cultura modenese. Già nel 2004 la Fondazione ha deliberato un contributo di oltre 600 mila euro per la sistemazione della sede della biblioteca e a partire dal 2007 ha sostenuto in maniera determinante i costi di gestione e attività dell’Accademia. "Questo impegno" - aggiunge Landi - "va accompagnato da un confronto sul budget complessivo dell’Accademia che consenta di riposizionarsi su cifre compatibili con l’attuale momento di crisi. Esiste un problema oggettivo di razionalizzazione dei costi, tanto più ineludibile quanto maggiori sono gli sforzi compiuti da enti pubblici e istituzioni per far fronte ai tagli di bilancio”

LA PROPOSTA LEGHISTA - La Cassa di Risparmio non è l'unico ente che si prodiga per il benessere economico dell'Accademia di Modena. Sono ancora voci per il momento, ma l'iniziativa di Stefano Bellei, segretario Lega Nord, di chiedere che i consiglieri regionali espressi dalla provincia di Modena destinino il 50% di un loro stipendio mensile all’Accademia , anche se difficilmente possa risolvere tutto, potrebbe trovare consensi da parte dei cittadini modenesi. Questa "iniziativa" è frutto del rifiuto del Presidente della Provincia di un finanziamento, giustificato dal fatto che l'Accademia avrebbe un carattere privato. Per Bellei il problema principale, concretamente parlando, è che l'Accademia si limita a fare cultura senza interessarsi di logiche politiche che al giorno d’oggi sono fondamentali. "Invitiamo quindi il Presidente Taddei" - esorta Bellei - "a costituire una sezione del PD all’interno dell’Accademia, alla quale potrà destinare una delle stupende stanze di Palazzo Coccapani, e magari a istituire un bel consiglio di amministrazione con un certo numero di poltrone a nomina politica e lautamente pagate. Siamo sicuri che i finanziamenti arriverebbero talmente abbondanti da togliere ogni preoccupazione per il futuro".

 

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi Accademia di scienze e lettere: 50mila euro dalla Fondazione

ModenaToday è in caricamento