rotate-mobile
Cronaca

Curiosità Modenesi | Le 3 leggende dei castelli modenesi, tra guerre e amori perduti

I castelli modenesi sono narrati nelle leggende locali, tra il sangue delle guerre e il dramma degli amori perduti. Ecco le 3 leggende dei castelli di Spilamberto, Sestola e Guiglia

CASTELLO GUIGLIA. Secondo una leggenda, presso il castello di Guiglia viveva a corte un prode cavaliere che era innamorato della figlia del castellano. Il loro amore era segreto. La ragazza venne messa in palio come premio di un torneo, così il cavaliere ne prese parte, ma il rivale lo spinse a terra conquistando il premio ambito. La fanciulla chiese al padre di annullare il torneo e di poter curare il cavaliere ferito, ma in seguito a quella scelta la ragazza scomparve misteriosamente, forse rapita dal vincitore della sfida. Il cavaliere era distrutto dal dolore e le sue condizioni tornarono ad aggravarsi, finché una notte non vide dalla sua finestra una donna che gli pareva la fanciulla amata. Senza pensarci su corse fuorid dal castello tentando di raggiungerla, ma lei si disperse nella foresta lasciando dietro di sè una scarpetta d'oro sulla riva del fiume. Il cavaliere non sappe mai che si trattava di una fata, e rimase a fissare il fiume che cambiava colore diventando color ruggine a causa della scarpetta magica. Ancora oggi, l'erba ai bordi del fiume è macchiata di un color ruggine. 

CASTELLO DI SPILAMBERTO. Nel 1500 l'Inquisizione controllava la giustizia a Modena così come in Europa. Il protagonista di questa amara vicenda fu Messer Filippo, che condannato dall'Inquisizione per eresia venne rinominato il Diavolino, che fu rinchiuso nella prigione del Castello di Spilamberto. Un ambiente di 150 metri quadri dove il prigioniero soffriva freddo, reclusione e fame. Quei tre mesi di reclusione bastarono al condannato per impazzire. Ogni giorno doveva sopportare il dolore della sua ragione e con il sangue che usciva dalle ferite inferte durante la tortura scrisse sui muri la sua verità:  era stato ingannato da una donna, probabilmente sua amante, che temendo il marito lo fece imprigionare, ma mai Messer Filippo ebbe giustizia.

CASTELLO DI SESTOLA. Fino al 1300 fu uno dei teatri di guerre più sanguinose d'Italia tanto che i cittadini di Sestola credevano fossero arrivati i demoni in quella zona. C'è chi parlava di spiriti dei soldati morti negli scontri che vagavano per i boschi in cerca di salvezza. Un'atmosfera maledetta colpì quella montagna finché nel 1575 San Carlo Borromeo non decise di recarsis alla rocca per placare l'ira del castello. Salì per la strada maestra, lungo un crinale scosceso. La salita era così ripida che il liberatore dovette fermarsi per riprendere fiato. Stanco fece cadere a terrra il suo cappello e si dice che, proprio nel luogo in cui il santo depose il cappello, si formò un cerchio della grandezza di una mano. Allora, San Carlo benedisse i dirupi sui quali sorgeva la fortezza, placando le anime inquiete di coloro che erano morti negli scontri, sotto a quelle mura. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Curiosità Modenesi | Le 3 leggende dei castelli modenesi, tra guerre e amori perduti

ModenaToday è in caricamento