rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Cronaca Cavezzo

Curiosità Modenesi | Perché Cavezzo si chiama così?

Qual è l'origine del nome di Cavezzo? Un viaggio storico tra i documenti nonantolani e antiche mappe

L'origine del nome di Cavezzo resta ancora oggi un mistero irrisolto, tuttavia la sua storia e la sua morfologia potrebbero essere indizi fondamentali per capire come mai questo nome. Cavezzo è un paese di 7 mila anime nell'Area Nord della provincia modenesse e il primo documento che cita questo nome risale al 1140. Perciò si tratta di una comunità molto antica con quasi mille di storia. Un secondo documento, più importante del primo dal punto di vista storico, risale al 1203 quando venne creato l'oratorio di Sant'Egidio, uno dei più antichi d'Italia. 

Il termine usato in questi documenti era Cavaedicium, ovvero un termine di origine latina, e da tali testi si comprende facesse parte della Corte di Roncaglia. Tuttavia leggendo gli archivi nonantolani sono tanti i nomi legati a questo territorio ovvero, Cavezali, Cavezzali, Cavezoli, Caviali, Caviali de' Capitaneis, Cavedizio, Cavedicium. Una spiegazione potrebbe giungere dalla pianta del bibliotecario del duca Francesco II d'Este, Gian Battista Boccadati, risalete alla seconda metà del XVII secolo di Villa di Capezzolo, sempre di quella zona, che viene indicata come facende parte di un antico comune detto Casare. Il Caxare resta un nodo da sciogliere della storia e della topografia locale. Pare certo che si tratti dell'insediamento più antico e importante della zona, risalente ai primi decenni del basso medioevo. 

Tutto ciò conferma che le origini dell'insediamento di Cavezzo sono molto antiche e che probabilmente nessuna risposta può essere ad oggi confermata, in quanto la verità si è perduta nella notte dei tempi. Tuttavia alcune ipotesi sono stata avanzate, ovvero per alcuni studiosi il nome suggerisce la radice cava (cavità), che ben si sposa con la tipologia del territorio nel quale il paese è sorto e si è sviluppato ( un territorio disseminato di dossi, motte e avallamenti acquitrinosi, frutto delle frequenti inondazioni del fiume Secchia). La seconda invece suggerisce il termine latino cavediu, uno spazio racchiuso cintato da muri, tuttavia per confermare ciò bisogna prima scoprire se esistevano e dove si trovavano tali mura. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Curiosità Modenesi | Perché Cavezzo si chiama così?

ModenaToday è in caricamento