rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Agricoltura e maltempo, danni ingenti a strutture e coltovazioni

Coldiretti fa un amaro bilancio dei danni dovuti alla notte di vento impetuoso, tra edifici scoperchiati e filari danneggiati

Serre divelte, fienili scoperchiati, alberi sradicati, campi allagati: è questo il primo bilancio del maltempo che si è abbattuto questa notte con particolare violenza sulla provincia di Modena provocando anche l’interruzione della linea elettrica. Lo rende noto Coldiretti Modena che in queste ora sta compiendo i primi sopralluoghi per valutare i danni che il forte vento e la pioggia intensa hanno causato alle coltivazioni e ai fabbricati delle aziende agricole colpendo, tra l’altro, anche purtroppo le aziende già colpite dalle note calamità degli anni passati.

Nell’azienda agricola Casari di Sant’Antonio in Mercadello nel comune di Novi, la bufera ha scoperchiato le strutture provvisorie che erano stati costruite dai titolari dell’azienda dopo il terremoto e che rappresentavano le uniche strutture per ricoverare gli attrezzi.

A San Felice sul Panaro il vento ha divelto le serre dell’azienda agricola Modena predisposte per la messa a dimora delle prime varietà di melone e delle fragole sconvolgendo la pianificazione commerciale del melone che, coltivato con varietà a maturazione scalare, viene immesso sul mercato in modo continuativo da maggio a settembre. L’abbondante pioggia  - sottolinea Coldiretti Modena - è caduta proprio nel periodo che coincide con l’inizio dei lavori in campagna e delle prime semine di meloni, cocomeri, cereali e barbabietole costringendo gli imprenditori a riprogrammare le operazioni colturali.

Analoga situazione – continua Coldiretti Modena -  in tutta la bassa modenese dove fin dalle prime ore del mattino gli operai delle aziende vivaistiche sono stati impegnati nel liberare strade e giardini dagli alberi sradicati e nella messa in sicurezza viabilità e abitazioni ripulendo rami e detriti trasportati dalla furia del vento. Solo nei prossimi giorni sarà possibile una prima valutazione dei danni che, purtroppo – conclude Coldiretti Modena - si andranno a sommare alle già ingenti difficoltà causate da alluvione, trombe d’aria e sisma.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agricoltura e maltempo, danni ingenti a strutture e coltovazioni

ModenaToday è in caricamento