rotate-mobile
Cronaca

I dati della Polizia lo certificano: meno reati, ma più criminali fermati

Le statistiche di fine anno confermano quanto già amerso negli ultimi tempi circa la delittuosità. In Questura e nei commissariati sempre meno denunce, tranne che per i furti in abitazione

Meno reati riscontrati, ma più arresti e più denunce. Il trend già emerso nei mesi scorsi è stato confermato anche oggi dal rendiconto annuale dell'attività svolta dalla Polizia di Stato. Il nuovo Questore Filippo Santarelli ha incontrato stamane la stampa modenese, fornendo il quadro di quanto accaduto in questo 2017 e presentando i numeri della Questura e dei commissariati decentrati. E' chiaro che questi dati devono essere analizzati con beneficio di dubbio, in quanto non hanno la pretesa di rappresentare una fotografia univoca della questione sicurezza, ma possono solo tracciare una bozza, per altro realitva ad uno solo dei corpi che agiscono sul territorio.

I DELITTI - In linea generale il numero dei reati denunciati sul territorio provinciale è calato del 9%. Del 4% le rapine e dell11% i furti. Quanto ciò corrisponsa ad un effettivo calo dei crimini, o quanto sia invece dovuto ad una minore propensione delle vittime a denunciare fatti di minoro conto, è e sarà sempre impossibile definirlo. Per quanto riguarda i casi esaminati dalla sola Polizia di Stato, i furti passano da 4.113 del 2016 a 3.792 (furti con destrezza da 455 a 340; furti in abitazione da 1022 a 1083; furti in esercizi commerciali da 506 a 447; furti su auto in sosta da 685 a 589; furti di autovetture da 65 a 56); le ricettazioni passano da 69 del 2016 a 46 dell’anno corrente; in calo anche le truffe passate da 237 a 210. Aumenta invece il numero delle persone deferite in stato d’arresto e a piede libero per reati inerenti gli stupefacenti attestati nel 2017 a 125 soggetti rispetto ai 79 del 2016. Tra cocaina, eroina, marijuana e hashish, i sequestri sono saliti a 120 chili di sostanza stupefacente.

ARRESTI E DENUNCE - Il contrasto alla delinquenza è in netto aumento, così come per altro registrato anche nei dati forniti dall'Arma dei Carabinieri. Le persone arrestate sono state 346 rispetto alle 251 del 2016, mentre quelle denunciate in stato di libertà sono salite a 1.980 rispetto alle 1.833 del 2016. Un aumento frutto anche dei maggiori controlli straordinari del territorio, che sono stati 520 grazie alla sinergia con gli equipaggi dei Reparti Prevenzione Crimine, rispetto ai 465 del periodo precedente.

IMMIGRAZIONE - Nel corso dell'anno sono salite a 247 le espulsioni comminate ai danni di immigrati clandestini (rispetto alle 226 del 2016). Cresciuti anche gli ordini di allontamento disposti dal Questore: 193 rispetto ai 143. Gli accompagnamenti alla frontiera di stranieri sono stati 42 rispetto ai 38 di un anno fa. A fronte di questi interventi, sono saliti a 27.454 i permessi di soggiorno rilasciati dall'Ufficio Immigrazione, un migliaio in più dello scorso anno.

SICUREZZA PUBBLICA - Da non dimenticare infine l'attività svolta dagli agenti e dai funzionari della Polizia per le questioni di ordine pubblico, che in questo 2017 sono state un elemento costante per tutta la provincia, in virtù da un lato delle nuove norme ministeriali e dall'altro dal grande numero di eventi e manifestazioni pubbliche. Doveroso ricordare i gravosi servizi connessi alla visita pastorale di papa Francesco in Carpi e Mirandola; le due visite del Presidente della Repubblica Mattarella a Carpi e Mirandola e il concertone di Vasco Rossi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I dati della Polizia lo certificano: meno reati, ma più criminali fermati

ModenaToday è in caricamento