rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Occupati ma sempre più precari, la mappa dei laureati Unimore

Ottime prospettive occupazionali a un anno dal titolo per i laureati Unimore che hanno visto ridursi lo spettro della disoccupazione ad un contenuto 12,9% contro il 26,6% nazionale. Ma i primi contratti sono sempre più precari

L'Università di Modena e Reggio Emilia si conferma in grado di contrastare anche i pessimistici dati nazionali relativi alla disoccupazione giovanile. Nel 2014, infatti, all’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia vedono significativamente flettere del -1,7 la percentuale di propri laureati disoccupati a un anno dalla laurea, che si attesta ora al 12,9% contro il 14,6% del 2013.

Il ridotto tasso di disoccupazione maturato in un contesto avverso anche per il mondo universitario, dove si è visto ulteriormente aumentare l’anno scorso in Italia dal 26,3% (anno 2013) al 26,6% (anno 2014) la quota di laureati disoccupati a un anno dal conseguimento del titolo di studio, è contenuto nell’analisi consegnata dal XVII Rapporto AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati.

Rispetto allo scenario italiano, i laureati Unimore vantano livelli di disoccupazione inferiori dell’13,7% rispetto alla media nazionale e guadagnano 112,00 euro in più al mese: 1.057,00 euro quelli dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia contro i 945,00 euro percepiti da un giovane laureato italiano nel corso del primo anno di lavoro. Confrontando i dati AlmaLaurea, contenuti nel XVII Rapporto condotto sui laureati del 2013, intervistati a un anno dalla fine degli studi, per i laureati Unimore c’è stato sicuramente un miglioramento complessivo riguardo agli sbocchi lavorativi, riflesso anche dall’incremento + 1,8 della percentuale di laureati occupati, passati dal 66,0% (anno 2013) al 67,8% (anno 2014). Sostanzialmente invariata, invece, la prima busta paga che si assottiglia di 3 euro mensili, in termini assoluti da 1.060,00 euro a 1.057,00 attuali. 

Poco più di un laureato su quattro (28,1%) tra coloro che hanno risposto al questionario ha confermato, però, di possedere un contratto di lavoro stabile. E la percentuale è significativamente più bassa non solo rispetto a quella registrata nel 2013 (29,5%), ma anche alla media nazionale dell’anno scorso (32,7%). Questo indica che, a tutto il 2014, per i laureati Unimore, la tendenza alla precarizzazione del lavoro, nonostante gli evidenti progressi quantitativi assoluti conseguiti, non si è arrestata. Tuttavia, conforta osservare che si è ridotto tra loro il numero di quanti lavorano senza un contratto, scesi dal 6,1% nel 2013 al 5,6% nel 2014.

DIPARTIMENTI -  Per quanto riguarda i livelli di disoccupazione la performance migliore va ai laureati di Scienze infermieristiche ed ostetriche tutti quanti occupati, seguiti dai colleghi del Dipartimento di Scienze e metodi dell’ingegneria con appena il 2,0% di senza lavoro e da quelli del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari con 3,5%. Più faticoso l’inserimento nel mondo del lavoro per i laureati di Scienze della vita che hanno tassi di disoccupazione a un anno del 28,3% e per quelli del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche del 19,2%. I più favoriti sono, invece, per quanto riguarda il lavoro i laureati di Scienze infermieristiche ed ostetriche che raggiungo la saturazione col 100% di occupati, seguiti da vicino dai laureati del Dipartimento di Scienze e metodi dell’ingegneria con un tasso di occupazione del 96,2% e di Ingegneria “Enzo Ferrari” del 95,5%. Il tasso di occupazione sempre a un anno dalla laurea per gli odontoiatri Unimore (parliamo però di 17 laureati) nel 2014 era del 100,0%, mentre per i colleghi medici del 56,3%, anche se a questo riguardo occorre sottolineare che una consistente fetta prosegue la propria formazione con corsi e scuole di specialità. Molto elevato l’assorbimento da parte del mercato del lavoro anche farmacisti e CTF, dove si raggiunge per loro il livello dell’84,8%. Una percentuale che scava un abisso con i colleghi avvocati: poco meno della metà di loro (46,8%) vede dopo la laurea la prospettiva di un posto di lavoro, ciò anche per il lungo praticantato che devono affrontare dopo il conseguimento del titolo di studio.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupati ma sempre più precari, la mappa dei laureati Unimore

ModenaToday è in caricamento