Ispettorato del lavoro, a Modena scoperto un lavoratore in nero ogni giorno

I dati diffusi dall'ITL parlano di ben 683 aziende irregolari. Rrecuperati oltre 19 milioni di euro alle casse dell’Erario

L’attività di contrasto al lavoro irregolare procede senza sosta e al tempo stesso evidenzia numeri preoccupanti. E’ quanto emerge dall’analisi dei dati ispettivi del 2019 elaborati dall’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Modena.

I dati elaborati in forma aggregata evidenziano, difatti, che le aziende irregolari ai controlli – nel suddetto periodo - sono state ben 683 su un totale di 1.160 aziende ispezionate. Estremamente significativo è risultato essere il numero dei lavoratori irregolari “scovati” nel corso di questi controlli: n. 1.650. Di questi ben 340 sono risultati essere totalmente “in nero” in quanto completamente sconosciuti alla pubblica amministrazione.

Uno strumento di particolare rilievo nella lotta al lavoro nero è rappresentato dal potere, posto dalla legge nelle mani del personale ispettivo dell’INL, di sospendere in via cautelare l’attività imprenditoriale allorché vengano accertate violazioni di particolare gravità. A questo riguardo nei dodici mesi appena trascorsi sono stati adottati ben 67 provvedimenti di sospensione in tutta la Provincia di Modena.

Anche il contrasto al deprecabile fenomeno dell’intermediazione illecita e lo sfruttamento del lavoro ha dato importanti frutti nel 2019: difatti ben 10 “caporali” sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per la violazione prevista dall’art. 603-bis del Codice penale. L’intento di arginare il fenomeno del lavoro nero o irregolare ed arginare così anche il fenomeno del dumping sociale ha orientato la programmazione dell’attività di vigilanza dell’ITL di Modena verso settori produttivi quali l’edilizia, l’agricoltura, i pubblici esercizi, il tessile e i servizi di logistica che, statisticamente, risultano fra quelli col più cospicuo tasso d’irregolarità accertato e con la maggiore incidenza d’infortuni sul lavoro.

Nello specifico i recuperi di contributi previdenziali ed assistenziali a favore dei lavoratori sono stati pari ad euro 17.635.877 (+ 90% rispetto al 2018) e le sanzioni amministrative già riscosse dai trasgressori sono state pari ad euro 1.503.526 (+ 43% rispetto al 2018).

Conseguentemente, nel complesso, l’Ispettorato del lavoro di Modena ha provveduto a recuperare, nel periodo di riferimento, oltre 19 milioni di euro nelle casse dell’Erario. I sopra indicati risultati sono stati conseguiti nonostante la costante riduzione di organico del personale ispettivo causata dal blocco del turn over (le ultime assunzioni risalgono al lontano 2006).  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni: Provincia di Modena in linea con la Regione. Via Emilia targata Pd

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

  • Bambina di sei anni precipita dalla seggiovia, paura sul cimone

Torna su
ModenaToday è in caricamento