menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Viale Amendola, proseguono le occupazioni abusive dei capannoni dismessi

Viavai costante segnalato negli edifici con accesso da via Brunelleschi. All'interno segni di bivacco recente e molti oggetti di uso quotidiano, oltre a biciclette fatte a pezzi

Tre edifici abbandonati compresi tra viale Amendola e via Brunelleschi continuano ad essere meta di sbandati. Lo segnalano i residenti della zona, dopo aver notato anche negli ultimi mesi invernali un viavai di persone all'interno delle aree in disuso, che già negli scorsi anni erano diventate rifugio per senzatetto. Nell'estate di due anni fa erano stati sorpresi all'interno dell'ex maglieria al civico 414 due clandestini, sgomberati e denunciati.

Diversamente da quanto auspicato, tuttavia, le proprietà non sono state adeguatamente ripulite nè sigillate, tanto che le occupazioni sono proseguite, come testimoniato dalla presenza di giacigli recenti e di evidenti segni di una frequentazione regolare. Mentre l'ex maglieria si presenta ricolma di rifiuti di ogni genere e di segni di bivacchi, il capannone adiacente (al civico 420 di viale Amendola) testimonia una presenza più organizzata. Un braciere con pentole, oggetti di uso quotidiano, stenditoio e indumenti sono sistemati in modo ordinato nell'area in disuso, dove si trovano anche diversi "scheletri" di biciclette.

Ricordiamo che l'area era oggetto di un piano di riqualificazione che prevedeva la realizzazione di un supermercato di medio-piccole dimensioni (Eurospin), tuttavia bocciato dal Comune nel 2018. Da allora la situazione è rimasta congelata e non si vedono all'orizzonte occasioni di riqualificazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento