Droga e degrado, nessun intervento per risanare via Munari

Giace ancora in stato di abbandono la palazzina al civico 23 di via Munari, diventata bivacco per senzatetto e tossicodipendenti. La Lega: "Muzzarelli si decida a riportare l'ordine"

A nove mesi di distanza dalla visita che facemmo in via Munari, nella zona Tempio, poco o nulla è cambiato. A denunciare la situazione di degrado già documentata – qui il servizio di maggio 2015 – è quest'oggi la Lega Nord cittadina, che richiama l'attenzione dell'amministrazione sulla palazzina al civico 23, dove si trova un cantiere vitttima di sbandati e tossicodipendenti.

In estate l'area era inoltre decisamente malsana, a causa di un lago sotteranneo che si era venuto a creare nel garage interrato dell'edificio, mai completato e in totale stato di abbandono. A questo si è aggiunta la forzatura della porta di accesso, che ha trasformato la casa in un rifugio sicuro per senzatetto e per un luogo idoneo al consumo di droga, prossimo alla stazione e ad altre aree già note per le cattive frequentazioni.

La Lega Nord di Modena, raccogliendo le paure dei residenti, ha fatto un sopralluogo che descrive così: “Tutto attorno alla casa ci sono spazzatura e siringhe: una vera discarica cielo aperto. I passanti ci hanno riferito che la zona di notte diventa ad esclusivo appannaggio di disperati perlopiù di origine extracomunitaria e che ormai i residenti non si azzardano più ad uscire di casa se non con la luce del sole – prosegue il Carroccio - Abbiamo riscontrato anche una serie di biciclette prive di ogni accessorio e abbandonate, probabilmente rubate e una volta terminato il loro uso lasciate lì".

“Il sindaco Muzzarelli faccia qualcosa, Modena non può accettare di avere nel suo territorio un degrado simile ormai più volte segnalato all’Amministrazione Comunale che, invece, finge sia tutto rose e fiori. Le nostre proposte sono di presentare un piano di recupero mediante una ripulitura, prima, e poi attraverso un’installazione di telecamere di sicurezza – conclude il leghsta Mario Rossi Barattini – oltre ad una presenza assidua di pattuglie di Forze dell’Ordine a vigilare, elemento imprescindibile alla messa in sicurezza della zona e al suo recupero”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Modena usano... il freddo!

  • Festa de L'Unità, prime anticipazioni sugli spettacoli di Ponte Alto

  • Coronavirus, individuati 56 nuovi casi positivi. Due i decessi

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento