rotate-mobile
Cronaca Via Pellegrino Munari

Droga e degrado, nessun intervento per risanare via Munari

Giace ancora in stato di abbandono la palazzina al civico 23 di via Munari, diventata bivacco per senzatetto e tossicodipendenti. La Lega: "Muzzarelli si decida a riportare l'ordine"

A nove mesi di distanza dalla visita che facemmo in via Munari, nella zona Tempio, poco o nulla è cambiato. A denunciare la situazione di degrado già documentata – qui il servizio di maggio 2015 – è quest'oggi la Lega Nord cittadina, che richiama l'attenzione dell'amministrazione sulla palazzina al civico 23, dove si trova un cantiere vitttima di sbandati e tossicodipendenti.

In estate l'area era inoltre decisamente malsana, a causa di un lago sotteranneo che si era venuto a creare nel garage interrato dell'edificio, mai completato e in totale stato di abbandono. A questo si è aggiunta la forzatura della porta di accesso, che ha trasformato la casa in un rifugio sicuro per senzatetto e per un luogo idoneo al consumo di droga, prossimo alla stazione e ad altre aree già note per le cattive frequentazioni.

La Lega Nord di Modena, raccogliendo le paure dei residenti, ha fatto un sopralluogo che descrive così: “Tutto attorno alla casa ci sono spazzatura e siringhe: una vera discarica cielo aperto. I passanti ci hanno riferito che la zona di notte diventa ad esclusivo appannaggio di disperati perlopiù di origine extracomunitaria e che ormai i residenti non si azzardano più ad uscire di casa se non con la luce del sole – prosegue il Carroccio - Abbiamo riscontrato anche una serie di biciclette prive di ogni accessorio e abbandonate, probabilmente rubate e una volta terminato il loro uso lasciate lì".

Degrado in via Munari - Modena 8/02/2016

“Il sindaco Muzzarelli faccia qualcosa, Modena non può accettare di avere nel suo territorio un degrado simile ormai più volte segnalato all’Amministrazione Comunale che, invece, finge sia tutto rose e fiori. Le nostre proposte sono di presentare un piano di recupero mediante una ripulitura, prima, e poi attraverso un’installazione di telecamere di sicurezza – conclude il leghsta Mario Rossi Barattini – oltre ad una presenza assidua di pattuglie di Forze dell’Ordine a vigilare, elemento imprescindibile alla messa in sicurezza della zona e al suo recupero”.

Edificio allagato e degradato in via Munari - Modena 07/05/2015

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga e degrado, nessun intervento per risanare via Munari

ModenaToday è in caricamento