Furto di monopattino, pestaggio a sangue e spedizione punitiva, dieci denunce

Una notte brava che ha coinvolto 8 ragazzi tra Sassuolo e Maranello e spedito all'ospedale tre persone. I Carabinieri chiudono il cerchio

Otto giovani, di età compresa tra i 16 ed i 28 anni, identificati e denunciati dai Carabinieri del Radiomobile di Sassuolo per una serie di violente aggressioni in strada. E due adulti denunciati per essere stati coinvolti in un furto di un monopattino che ha innescato la notte di violenza.

E' questo il bilancio dell'indagine svolta dall'Arma di Sassuolo a seguito dei alcuni episodi criminali che si sono verificati nella notte tra il 27 ed il 28 agosto. Tre episodi distinti ma collegati, che hanno richiesto diverse ore di indagini ai militari per riuscire ad accertare la dinamica e le responsabilità dei giovani coinvolti.

Tutto è iniziato alle ore 21.50 del 27 agosto, quando i Carabinieri sono stati avvertiti da un 18enne sassolese cui era stato rubato il monopattino. Il ragazzo, tuttavia, ha poi deciso di farsi vendetta da solo e ha coinvolto due amici in una spedizione punitiva, dopo essere riuscito ad identificare il presunto autore del furto, un 34enne giò noto alle forze dell'ordine e con problemi di tossicodipendenza.

Così, i tre amici hanno individuato il ladro nel centro di Sassuolo e lo hanno aggredito: calci, pugni e probabilmente anche un coltello puntato alla gola. Il tutto davanti ad un "pubblico" costituito da altri gruppi di ragazzini, che hanno assistito al pestaggio in via Racchetta. Il 34enne ha subito traumi particolarmente gravi ed è stato soccorso dal 118 per poi essere traportato all'Ospedale di Baggiovara in codice rosso. Fortunatamente è stato dimesso il giorno seguente.

Il 18enne non è però riuscito a rientrare in possesso del proprio monopattino, in quanto il ladro - secondo quanto accertato dall'Arma - lo aveva già rivenduto ad un 48enne, che è stato a sua volta denunciato per ricettazione.

Nel frattempo la serata di violenza aveva avuto anche riverbero sui social dei ragazzi, dove si erano scatenati commenti e offese. Proprio da qui ha preso le mosse una seconda aggressione, avvenuta intorno all'1.30 in piazza Libertà a Maranello. Qui l'ambulanza aveva soccorso due minorenni, picchiati violentemente poco prima da altri giovani.

Le indagini dei Carabinieri hanno portato ad appurare che gli aggressori di Maranello erano gli stessi di Sassuolo. Proprio per alcuni sfottò sui social il 18enne e i due amici avevano coinvolto altri 5 ragazzi in una trasferta a Maranello, dove era avvenuto il secondo pestaggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora gli otto ragazzi dovranno rispondere dei reati di lesioni aggravate, minaccia aggravata e porto di oggetti atti ad offendere

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Contagio, 12 casi nel modenese. Nessun rientro dall'estero

  • Investe un ciclista e fugge, caccia ad un'auto-pirata a Vignola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento