rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Cronaca Soliera / Strada Limidi

Soliera, chiuso il caso Di Stasio: per la Procura è suicidio

Come emerge dalla richiesta al Gip presentata dal procuratore aggiunto Lucia Musti, gli inquirenti ritengono che si sia trattato di suicidio. Il fatto si verificò il 5 gennaio dello scorso anno

Archiviazione. Questa la richiesta avanzata dalla Procura di Modena in merito all'indagine per omicidio a un anno dalla morte di Gerardino Di Stasio, elettricista di 43 anni trovato senza vita il 5 gennaio 2012 nella sua abitazione ad Appalto di Soliera.

Come emerge dalla richiesta al Gip presentata dal procuratore aggiunto Lucia Musti, gli inquirenti ritengono che si sia trattato di suicidio. Il fratello di Di Stasio, Michele, è già stato condannato a un anno e otto mesi per ricettazione dopo che aveva nascosto e poi fatto ritrovare il fucile con cui fu sparato il colpo letale per il 43enne, originario di Luogosano nell'Avellinese. Esami ematici e biologici, oltre che una perizia balistica, hanno però escluso che il fratello maggiore di Gerardino Di Stasio possa averlo ucciso. Si sarebbe invece limitato successivamente a spostare l'arma, che risultò rubata, in un luogo nascosto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soliera, chiuso il caso Di Stasio: per la Procura è suicidio

ModenaToday è in caricamento