rotate-mobile
Cronaca Accademia Militare / Corso Camillo Benso Cavour

Disoccupato compra pistola giocattolo e rapina supermercato

In carcere un muratore ferrarese che, rimasto senza lavoro e con il tfr bloccato, lo scorso 4 aprile rapinò il supermercato Sigma di corso Cavour dopo avere acquistato una pistola giocattolo in plastica da un market a poca distanza

È stato spinto dalla disoccupazione a commettere un gesto folle: rapinare un supermercato. Licenziato e con il tfr bloccato, P. P., un muratore rovigino di 42 anni residente a Ferrara è stato identificato dalla Squadra Mobile della Questura di Modena quale responsabile della rapina commessa lo scorso 4 aprile ai danni del market Sigma di corso Cavour.

In un certo senso, il "colpo nasce da lontano": nei mesi scorsi, l'uomo, quando lavorava ancora in città per conto di una ditta edile, aveva preso casa lungo viale Berengario, conoscendo il quartiere, le vie e gli angoli del centro storico modenese. Perso il posto di lavoro, è tornato a Ferrara, fino a quella nefasta mattina del 4 aprile: come confermato dallo studio del traffico telefonico e dalle celle agganciate dalla scheda sim del suo cellulare, il 42enne ha preso il treno dal capoluogo estense per dirigersi a Modena. Ripreso dalle telecamere di videosorveglianza del Comune di Modena, è sceso in stazione e ha iniziato a vagabondare senza meta per il centro storico. A un certo punto, in corso Cavour, si è recato in un market di cinesi per acquistare una piccola pistola giocattolo di plastica: poco dopo, la rapina.

Anche all'interno del negozio, le telecamere hanno catturato l'intera scena: dopo essersi guardato attorno per verificare l'assenza di clienti o eventuali impedimenti, si è diretto verso la cassiera per puntarle contro la pistola e farsi consegnare 1080 euro in contanti. Poi, la fuga a piedi in centro. Nell'immediatezza, le indagini sono state avviate dalla Squadra Volanete, successivamente è intervenuta la Squadra Mobile: oltre all'analisi dei filmati acquisiti, gli operatori della Questura hanno svolto un'attività di controlli incrociati con gli informatori del quartiere per avere maggiori informazioni su quanto accaduto. Una volta identificato il responsabile, nei giorni scorsi, gli agenti hanno perquisito l'abitazione dell'uomo che, però, non era in casa: il 42enne si trovava già in carcere a Ferrara perché, pochi giorni dopo l'assalto in centro a Modena, venne arrestato in flagranza di reato per una rapina commessa nel capoluogo estense. Interrogato, ha confessato e ha ammesso ogni responsabilità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disoccupato compra pistola giocattolo e rapina supermercato

ModenaToday è in caricamento