rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca Ospedale Universitario / Via del Pozzo

Policlinico, una coppia dona 2 milioni per ristrutturare un intero reparto

I coniugi Burani sono i protagonisti di un'eccezionale slancio di generosità, che permetterà alla struttura ospedaliero-universitaria di rimettere a nuovo il reparto di Chirurgia dei trapianti. Premiati in Municipio con la Bonissima

Hanno donato al Policlinico 2 milioni di euro per la completa ristrutturazione del Reparto di Chirurgia dei trapianti del Policlinico di Modena e il sindaco Giorgio Pighi ha chiesto di incontrarli una volta venuto a conoscenza del gesto. Un gesto di grandissima generosità che non poteva certo passare inosservato, nonostante la semplicità ed il “basso profilo” tenuto dai donatori.

Si tratta dei coniugi modenesi Otello Burani e Maria Giovetti, che questa mattina hanno incontrato il sindaco Pighi insieme al direttore generale del Policlinico Licia Petropulacos e al responsabile della Struttura semplice Chirurgia epatica e trapianti di fegato Fabrizio Di Benedetto.

La coppia, sposata da molti anni e senza eredi diretti, ha raccontato come è arrivata a prendere la decisione di effettuare la donazione, anche a seguito di vicende personali, dopo anni di risparmi accumulati con l’attività imprenditoriale nel campo delle vernici industriali. Il sindaco ha consegnato loro “la Bonissima”, statuetta simbolo della città, ringraziando Burani e Giovetti a nome della comunità per l’ingente donazione. “Si tratta di un gesto di estrema  generosità – ha aggiunto Pighi – capace di creare coesione sociale in un momento in cui la società è sempre più individualista”.

Il direttore Petropulacos, durante l’incontro, ha confermato che l’iter per l'assegnazione dei lavori di ristrutturazione del reparto sta procedendo regolarmente e che i tempi di intervento saranno inseriti tra i criteri di valutazione per rispetto alle indicazioni date dai donatori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Policlinico, una coppia dona 2 milioni per ristrutturare un intero reparto

ModenaToday è in caricamento