rotate-mobile
Cronaca Via Francesco Rismondo, 12

Droga al phone center di via Rismondo, due stranieri arrestati

Agenti della Volante hanno incastrato due noti spacciatori, che si trovavano nel locale del centro storico durante un blitz. Diverse dosi di stupefacente sequestrate. Potrebbero nascere ulteriori indagini

Due arresti nel primo pomeriggio di ieri: due spacciatori, già noti alle forze dell'ordine, sono finiti in manette per detenzione di droga. Si tratta a ben vedere di due arresti avvenuti quasi per fortunata coincidenza, a seguito di un altro reato che ha portato gli agenti della Volante in via Rismondo, in centro storico.

I poliziotti erano infatti sulle tracce del malvivente che pochi minuti prima aveva derubato una ragazza incinta su un autobus di linea. Facendo irruzione nel phone center di via Rismondo, dove sospettavano si nascondesse il ricercato, gli agenti hanno assistito a un fuggi fuggi generale e si sono perciò affrettati a bloccare i presenti, tra cui hanno riconosciuto alcuni volti noti.

Così sono finiti in manette due cittadini tunisini, entrambi trovati in possesso di alcune dosi di stupefacenti. Il primo è un uomo di 36 anni, che portava con sé 10 grammi di eroina e 20 grammi di hashish, oltre a 1100 euro in denaro contante. Il magrebino era già stato processato per spaccio di droga e condannato all'obbligo di firma in Questura.

Il secondo soggetto, connazionale del primo, è un 26enne pregiudicato e raggiunto da un divieto di dimora nel territorio modenese. Su di lui gli agenti hanno trovato 21 grammi di eroina, suddivisa in dosi pronte per lo spaccio al dettaglio.

Entrambi i pregiudicati nordafricani sono stati accompagnati in carcere, mentre la Polizia valuterà se svolgere ulteriori accertamenti sul locale, gestito da un cittadino pakistano, per capire se il luogo e i suoi frequentatori sono coinvolti un attività illecite legate allo spaccio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga al phone center di via Rismondo, due stranieri arrestati

ModenaToday è in caricamento