menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Soliera, droni in azione per mappare dall'alto i tetti in amianto

il comune modenese attiva il censimento aereo, che verrà effettuato nella giornata di giovedì 27 agosto. Il vicesindaco Bagni: "E' la prima tappa di una campagna di sensibilizzazione che porterà all'apertura dello Sportello Amianto"

Seguendo l'esempio di Fidenza, Soliera è uno dei primi comuni in Emilia Romagna ad adottare e mettere in azione un sistema di monitoraggio delle coperture contenenti amianto, tramite aerodroni. Nella giornata di giovedì 27 agosto i sofisticati rilevatori volanti provvederanno a mappare il territorio comunale per individuare la presenza del materiale che dal 1992 è vietato per la sua natura cancerogena.

A realizzare il monitoraggio sarà AeroDron Srl, una ditta leader nel settore delle riprese a bassa quota, di comprovata affidabilità e che agirà nel rispetto delle disposizioni di protezione dei dati nonché dei regolamenti Enac. Gli apparecchi, autorizzati al volo su centri abitati e dotati di ogni assicurazione di legge, effettueranno verifiche di dettaglio sulle coperture che già sono state individuate come possibili fonti di amianto, a seguito di un primo screening da ortofoto.

Alla fine del censimento, il Comune valuterà quali forme di incentivazione proporre per concretizzare l’obiettivo della progressiva rimozione della presenza di amianto nel territorio solierese.

"A oltre venti anni dall’entrata in vigore della Legge 257 che ha bandito l’utilizzo dell’amianto nei materiali da costruzione - spiega il vicesindaco e assessore all'Ambiente Caterina Bagni - sono ancora presenti materiali contenenti amianto, in particolare nelle lastre di copertura di fabbricati civili e industriali. Nell’attesa di leggi a livello nazionale che incentivino concretamente lo smaltimento di tali materiali, l’Amministrazione comunale solierese si muove autonomamente in tal modo per avviare una campagna di sensibilizzazione della popolazione, anche mediante la creazione di un punto d’ascolto, un vero e proprio 'Sportello Amianto'. Il censimento aereo è un passo necessario e preliminare per partire da una mappa delle coperture esistenti e del loro stato di conservazione".

 Massimo Bonora e sono un consigliere comunale del M5S Stelle di Soliera, vi scrivo anche a nome dei miei due colleghi Joseph Clemente e Bruno Bergonzini e di tutti gli attivisti di Soliera. Sono stato appena informato del vs comunicato stampa riguardante i droni su Soliera per la rilevazione dell'Amianto e crediamo, per dovere di cronaca che siate stati parzialmente informati.

"Si tratta di un percorso che fa seguito al nostro intenso lavoro sulla problematica dell'Amianto a Soliera - spieano i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle - iniziato già al tempo della presentazione delle linee programmate, presentate dal Sindaco alla prima seduta di Consiglio di Giugno 2014 dove abbiamo inserito alcuni emendamenti tra i quali appunto l'impegno di aprire uno sportello amianto e di mappare l'intero territorio Solierese". Um impegno sottolieato nuovamente da una mozione del M5S approvata all'unanimità e da una successiva interrogazione: "Poco più di un mese fa, siamo stati informati dal Vice Sindaco e Assessore all'ambiente, Caterina Bagni di questa iniziativa che non può che farci piacere alla luce del nostro lavoro e della collaborazione che abbiamo sempre dimostrato e avuto con il Sindaco, il Vice Sindaco e Giunta per tutte le "problematiche" del nostro paese".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento