rotate-mobile
Cronaca Carpi

Eita Nakamura, quando lo stile di Carpi guarda al sol levante

Giovani, appassionati e caparbi: Eita Nakamura e il suo team sono una boccata di ossigeno per la moda carpigiana. Un sogno che vuole sconfiggere la crisi e dimostrare quanto formazione e ricerca siano le parole chiave per aggredire il futuro

Nel distretto tessile di Carpi l'immagine del lontano oriente è ormai tristemente legata alla produzione cinese, alla delocalizzazione, ai laboratori che finiscono nelle indagini della Guardia di Finanza e alla concorrenza sleale. Ma, per fortuna, l'estremo oriente di cui parliamo oggi è tutt'altra cosa, è sinonimo di stile, coraggio, dedizione e innovazione. E si chiama Eita Nakamura.

Mamma carpigiana e papà giapponese, Eita Nakamura ha dato vita a soli 22 anni al proprio marchio di abbigliamento, dopo un intenso periodo di formazione e crescita professionale passato tra Carpi e lo IED di Milano. Insieme a lui ci sono Benedetta Berti, conosciuta sui banchi della scuola di Progettista di Moda, con la quale Eita condivide la creazione degli stili e Luigi Mario Favoloso, colonna portante della società, che si occupa della parte commerciale e organizzativa. Un team vincente, giovane ed appassionato, grazie al quale il marchio Eita Nakamura, partendo da zero, sta provando a trovare un posto tra i grandi della moda. E i primi risultati sono assolutamente incoraggianti.

“Se escludiamo alcune firme consolidate – racconta Eita – il panorama carpigiano non vive certamente un momento positivo. Noi consideriamo un grande successo essere riusciti a partire e aver avuto la possibilità di costruire una nostra identità stilistica. Oggi la cosa fondamentale è riuscire a trovare qualcuno che decida di investire, soprattutto se sei giovane”. Con l'arrivo di questi coraggiosi investimenti, Eita Nakamura ha potuto produrre la prima collezione Autunno-Inverno 2013/14, che ha ricevuto importanti apprezzamenti e ha spinto a triplicare il numero di capi per la collezione Estate 2014. Gli abiti – rigorosamente made in Italy – sono disegnati a Carpi, realizzati da un'azienda di Napoli e commercializzati attraverso la rete degli showroom in molte regioni italiane. Una grande iniezione di fiducia e il segno che lo stile nippo-carpigiano è riuscito a farsi notare.

Ma di quale stile stiamo parlando? “La nostra è una donna molto ricercata e all'avanguardia, che segue la tendenza ma non è mai banale. Un mix di stili e di culture che provengono da paesi diversi – spiega lo stilista – con un tocco in più per riuscire sempre a distinguersi. Le nostre creazioni sono al limite tra lo straordinario e il quotidiano”. Questo si traduce in un'immagine femminile dai tratti androgini, che veste in modo essenziale e pulito, con volumi dritti e un rimarcato senso del contrasto, che ricorre in molte sfaccettature, a partire dal bianco/nero e dall'abbinamento di tessuti diversi nello stesso capo. “Il nostro lavoro è frutto di una ricerca costante – racconta Benedetta Berti – che occupa la maggior parte del nostro lavoro. Esaminare le tendenze che provengono da tutto il mondo, per saper cogliere i momenti, capire come si vestirà nell'immediato futuro e saper elaborare un'immagine personale e significativa che permetta di emergere dal coro. Questa è la nostra sfida.”

Ed è forse questa ricerca, unita ad un'ottima formazione e a tanta gavetta, la chiave di volta dell'avventura della giovane griffe. Riuscire ad emergere, nella moda così come in altri campi, è la vera impresa di questi tempi difficili. Negli atelier carpigiani le occasioni formative non mancano, ma molti giovani ambiziosi si scontrano con la mancanza di spazio e di riconoscimento. Ma Eita Nakamura, sia come nome che come marchio, ha avuto la possibilità e la caparbietà per alzare la testa, dimostrando quanto il lavoro e la competenza, se uniti a tanta passione, permettono di volgere lo sguardo anche oltre la crisi.

Eita Nakamura

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eita Nakamura, quando lo stile di Carpi guarda al sol levante

ModenaToday è in caricamento