rotate-mobile
Cronaca

La storia di Elisa, volontaria da Modena per i bambini siriani

Elisa porta cibo, vestiti e medicine con gli amici di Time4life: "Sembra di entrare all'inferno, ogni notte muoiono in media quattro bambini". Ecco come ci si muove nelle zone calde del Medio Oriente

“Chi salva una vita, salva il mondo intero”. È il sentimento che spinge una volontaria modenese ad inviare costantemente in Siria cibo e medicine. Si tratta di Elisa Fangareggi, trentenne avvocato civilista che insieme ad altri volontari ha trovato il modo per “entrare” in quelle zone con provviste, farmaci, vestiti e tanto sostegno morale. “Essendo, infatti,  precluso il passaggio in Siria alle organizzazioni umanitarie, i volontari devono utilizzare sempre nuove «scuse» per entrare nei campi”. A rendere di pubblico dominio la testimonianza è stata l'agenzia TM-News tramite il giornalista modenese Paolo Tomassone.

“Sembra di entrare all'inferno, spiega Elisa, in un campo di 7.000 persone ci sono 1.800  bambini 0-3 anni: ogni notte muoiono in media 4 bambini per il freddo, per una bronchite o perché digiunano anche da cinque giorni”. Tutto questo a causa del conflitto in corso. Elisa ha iniziato questo percorso nel 2011 in piena Primavera Araba: “tramite un amico attivista in quel paese, ho conosciuto un siriano, che è diventato il mio migliore amico, quasi un fratello. Lui stava scappando  e mi chiedeva aiuto per il suo paese. Così abbiamo iniziato a portare latte in polvere anti reflusso, medicinali di qualsiasi tipo e chemioterapici praticamente introvabili là”.

Elisa è affiancata dai “colleghi” di Time4life di Modena, associazione che continuamente cerca volontari per raccogliere materiale. Time4life verrà a breve ufficializzata, per ora è possibile contattarla tramite social network. La storia di Elisa serve soprattutto a sensibilizzare l’opinione pubblica verso quelle popolazioni della Siria che stanno vivendo un vero e proprio genocidio: “molti, racconta Elisa, dicono che è un'utopia, come svuotare l'Oceano con un cucchiaino, non salveremo la Siria ma se possiamo salvare anche solo 100 bambini ben venga”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storia di Elisa, volontaria da Modena per i bambini siriani

ModenaToday è in caricamento