rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca

Sviluppa app per smartphone, studente Unimore premiato dalla Bmw

Emanuel Mazzilli, studente del corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica premiato per avere realizzato un'applicazione che consente di pianificare un viaggio attraverso soluzioni di trasporto intermodale

Fuga di cervelli? Sì, ma soltanto da Teramo a Modena, niente di troppo sconvolgente in fondo. E stiamo parlando di un grande cervello, quello di Emanuel Mazzilli, un giovane studente del corso di Ingegneria Informatica dell’Unimore, che è risultato tra i tre vincitori della prima edizione del concorso nazionale I APP Games 2012, promosso dalla casa automobilistica Bmw.

L’iniziativa Bmw I-App Games, aperto a tutti gli atenei italiani ma che ha coinvolto più direttamente l’Unimore, l’Università di Roma Tor Vergata di Roma e il Politecnico di Milano, mirava a promuovere soluzioni innovative in tema di mobilità attraverso l’ideazione di applicazioni che andassero ad ottimizzare l’efficienza del veicolo o a costituire un’interfaccia con il mondo esterno che consentisse di ricevere informazioni, dialogare con altre realtà (trasporto pubblico, parcheggi, servizi), o muoversi in modo più efficiente.

Ma che cos’è precisamente l’applicazione ideata dal giovane Mazzilli? Ce lo ha spiegato Maria Luisa Merani, Professoressa del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione e tutor dello studente  “L’applicazione I-Trip consente di pianificare un viaggio attraverso soluzioni di trasporto intermodale (aereo, treno, auto elettrica/car sharing). Questa applicazione è dotata anche di servizi di supporto per le soluzioni scelte: prenotazione parcheggi e colonnine per ricarica elettrica, noleggio auto stazione d'arrivo, informazioni sui biglietti. A partire da alcuni dati in ingresso (posizione di partenza e di arrivo) è possibile scegliere come raggiungere il luogo di destinazione scegliendo tra le modalità: più economica, più veloce o più ecocompatibile. Per tutte e tre le modalità, al termine del percorso, è possibile avere un report di informazioni su: distanza percorsa, durata del viaggio, costi sostenuti, CO2 emessa e calorie bruciate in eventuali percorsi a piedi. È inoltre possibile scegliere se viaggiare con differenti modalità di trasporto (treno, car-sharing, metro) oppure se viaggiare solo con il proprio veicolo. L’applicazione fornirà servizi di utilità aggiuntivi, come ad esempio l’inserimento dei viaggi nei social network o l’attivazione di promemoria per ricordare di ricaricare l’auto”. Insomma, Emanuel ha creato un servizio che renderebbe possibile il viaggiare ‘intelligente’, per questo speriamo che I-trip sia presto in dotazione agli smartphone di tutto il mondo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sviluppa app per smartphone, studente Unimore premiato dalla Bmw

ModenaToday è in caricamento