Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca

Esce dal carcere dopo 15 anni e stupra una donna, arrestato 52enne

Il fatto commesso a Roma qualche giorno fa, poi l'arresto alla stazione dei bus di Bologna. L'uomo era stato rinchiuso al Sant'Anna dopo l'omicidio del 2007 ai danni di un collega in un salumificio di Castelnuovo Rangone

Scontata una pena per omicidio esce dal carcere e stupra una donna. E' successo lo scorso 12 ottobre in un appartamento in zona La Storta. Il "mostro" è un 52enne dello Sri Lanka, Nimal Weththasinghage, poi rintracciato dalla polizia alla stazione dei bus di Bologna dove era fuggito ed infine arrestato per "violenza sessuale". Vittima una connazionale di 32 anni, minacciata con un coltello e poi abusata dall'uomo.

In particolare l'uomo, in Italia senza fissa dimora, era già condannato per il reato di omicidio nel 2007. Weththasinghage era infatti stato protagonista dell'omicidio di un collega e connazionale all'interno del salumificio Maccaferri&C di Castelnuovo Rangone, dove all'epoca entrambi lavoravano come disossatori di prosciutti. Una coltellata nel petto era infatti costata la vita al 31enne Milroy Muthuarachchige e una pena di 15 anni all'omicida, scontata nel carcere di Modena.

Secondo quanto ricostruito, dopo la scarcerazione il cingalese era arrivato nell'appartamento di Roma nord lo scorso mercoledì 10 ottobre, a suo dire per rinnovare il passaporto. Affittata una camera in un'abitazione tramite un suo conoscente che dimorava nella stessa, la mattina di venerdì ha poi abusato della donna. Una violenza brutale, con il 52enne che dopo essere entrato nella camera della ragazza, che lavorando la notte come lavapiatti stava dormendo, l'ha minacciata con un grosso coltello da caccia: "Se non fai quello che ti dico ti ammazzo, ti taglio la gola".

Ragazza violentata da uomo appena uscito dal carcere

Minacciata la donna, la stessa ha subito le violenze con l'uomo che le ha messo un cuscino sul volto al fine di non far sentire le sue urla di aiuto. Consumato lo stupro, con la donna rimasta in stato di choc nella stanza, il 52enne ha quindi preso la valigia ed ha fatto perdere le proprie tracce. Aiutata da un altro ospite dell'appartamento la donna ha quindi allertato la polizia con l'arrivo sul posto delle volanti dei commissariati Primavalle e Flaminio. 

Stupratore in viaggio verso Bologna

Contattata la donna, a cui aveva richiesto silenzio in cambio di denaro, in realtà il 52enne stava prendendo tempo per far perdere le proprie tracce. Rintracciata la cella del suo telefono cellulare alla stazione Tiburtina gli investigatori hanno quindi seguito le tracce dell'uomo. Alle 23:00 dello stesso venerdì, 12 ore dopo la violenza, il personale del Commissariato Flaminio Nuovo di Roma ha contattato la Polizia Ferroviaria di Bologna segnalando la probabile presenza a bordo del treno EN294, proveniente da Roma, di un cittadino extracomunitario resosi responsabile di violenza sessuale. 

Violentatore arrestato all'autostazione di Bologna

Diramata alle pattuglie la foto del soggetto, l'uomo è stato rintracciato nella sala di attesa della stazione delle corriere, presso l’autostazione di Bologna.  Al termine delle formalità di rito, il personale in servizio ha disposto l’accompagnamento del fermato presso la Casa Circondariale di Bologna, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Sottoposto a fermo "per gravi indizi della commissione del delitto di violenza sessuale aggravata", il pubblico ministero ha convalidato la mattina del 15 ottobre l'arresto per "violenza sessuale". La donna è stata portata in ospedale, visitata ed avviata al protocollo di Codice Rosa previsto per i casi di violenza.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esce dal carcere dopo 15 anni e stupra una donna, arrestato 52enne

ModenaToday è in caricamento