rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Cronaca Pavullo nel Frignano

Maestra arrestata, l'esperto: “Colleghi omertosi o superficiali”

Dopo i fatti gravi di Pavullo interviene Federico Bianchi di Castelbianco, psicoterapeuta dell'età evolutiva e direttore dell'Istituto di Ortofonologia: “Per evitare che accadano queste cose, l'unica possibilità è dare strumenti ai colleghi per segnalare alle autorità”

"Bisogna dare gli strumenti giusti ai colleghi di quegli insegnanti che commettono atti così gravi, come i maltrattamenti sui bambini affidati durante l'orario scolastic"o. A sostenerlo Federico Bianchi di Castelbianco, psicoterapeuta dell'età evolutiva e direttore dell'Istituto di Ortofonologia (IdO), a proposito di quanto successo in una scuola per l'infanzia di Pavullo, dove M.G., 52enne maestra-coordinatrice, è considerata responsabile del reato di maltrattamento aggravato sui bambini a lei affidati, tutti di età compresa tra i tre ed i cinque anni. Per questo i Carabinieri di Pavullo nel Frignano hanno eseguito un'ordinanza cautelare di arresti domiciliari emessa dal Gip del Tribunale di Modena, Eleonora De Marco, nei suoi confronti. 

"Il problema grande che si pone, non è solo il comportamento di questa persona - ha detto Castelbianco - il vero problema è che se ne sono accorti i genitori (hanno fatto partire le indagini con le loro segnalazioni, ndr) ma non i colleghi di questa donna. O non se ne sono accorti o non hanno voluto attivarsi per motivi diversi. Questo significa che per evitare che accadano queste cose, l'unica possibilità è dare strumenti ai colleghi per segnalare alle autorità che accadono questi fatti e non aspettare che i genitori si accorgano di questa situazione".

IL VIDEO

I colleghi, quindi, hanno avuto un comportamento "omertoso o superficiale, ed è una cosa negativa da comunicare ai bambini. È come se un elemento delle Forze dell'ordine vedesse un collega rubare e stesse zitto. Non accade perchè non è possibile". Il punto, prosegue, il direttore dell'Ido "non sta nel fatto che uno si alza e mena, ma nel comportamento reiterato dell'insegnante che ha commesso gli abusi". I piccoli che hanno subito le violenze, "devono tornare all'asilo, e va spiegato loro che la persona che si comportava cosi' è stata portata via dai Carabinieri e che non tornerà mai piu' in quell'asilo. E devono poter raccontare alla persona che andrà ad ascoltarli, per esempio uno psicologo, tutti i fatti per tirarli fuori e per riappropiarsi dello spazio dell'asilo. Spazio che è il loro".

(DIRE)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maestra arrestata, l'esperto: “Colleghi omertosi o superficiali”

ModenaToday è in caricamento