rotate-mobile
Cronaca Mirandola

Mirandola: morto Fabrizio Spagiari, "artista" e fenomeno di Youtube

A darne notizia la fan page dedicata su Facebook: originario della città dei Pico e residente a Ponte San Pellegrino, era diventato un fenomeno virale grazie al suo carattere irruento e alle interviste di Andrea Diprè

Capelli disordinati, barba incolta, il dialetto della Bassa forgiato dal tabacco e un modo di fare oltremodo sgarbato. Con questo biglietto da visita, Fabrizio Spagiari, lo scorso anno, è entrato nelle case degli italiani grazie a Youtube e ad alcune interviste del critico d'arte Andrea Diprè: originario di Mirandola, residente nella frazione di Ponte San Pellegrino, grazie al suo carattere scorbutico e spesso oltraggioso è diventato un'icona, da un certo punto di vista anche una figura di culto, per il trash italiano con il suo modo di essere totalmente sregolato, fuori da ogni convenzione, da ogni logica del buon senso. Spagiari, purtroppo, non potrà più strapparci un sorriso e ricordarci le nostre origini umili, di campagna, fatte di lambrusco e motori ("collaborò con la Ferrari e Alboreto", ricordava Diprè). Spagiari è scomparso nella giornata di ieri nella sua Mirandola, all'età di 56 anni, dopo una vita difficile nel mondo dei motori, dei suoi quadri e le sue ultime "magagne" fra un'operazione al polmone, il terremoto e un arresto per ricettazione: i Carabinieri, nei mesi scorsi, lo trovarono in possesso di un fucile rubato nella provincia di Mantova.

La notizia della morte è stata diffusa da una fan page su Facebook: "Fabrizio Spagiari ha regalato delle emozioni - ha esordito l'amministratore - ha regalato una speranza a tante persone che, magari, l'arte non l'avevano neanche mai considerata. Fabrizio Spagiari, con il suo modo di fare, è diventato una sorta di mito: lontano da tutti, ma vicino a tanti. Il suo essere grezzo, istintivo e contro ogni tipo di logica legata al senso piaceva, inutile negarlo. Imprevedibilità questo era per tante persone l'artista Spagiari (ma anche l'uomo). Questa pagina, da me gestita, è stata un compagno virtuale, un amico. Mi ha fatto ridere, esaltare, fomentare e pensare. Oggi, forse, mi farà piangere. Fabrizio, ahimè, è passato a miglior vita - ha poi concluso il gestore della pagina - Ciao, mi mancherai. 'Sono stufo, cosa vuoi che ti dica' oggi più che mai".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mirandola: morto Fabrizio Spagiari, "artista" e fenomeno di Youtube

ModenaToday è in caricamento