Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca Soliera

Soliera, fermata la babyitter del bimbo caduto. Ipotesi di tentato omicidio

La donna, di 32 anni, è indagata. Il bambino è stato stabilizzato, ma è in condizioni gravi

Dopo una mattinata passata a ricostruire le varie fasi della tragedia, è stata fermata la babysitter che sarebbe responsabile della caduta dalla finestra del bimbo di appena 13 mesi residente in via Arginetto a Soliera. La Procura, che ha coordinato l'attività dei Carabinieri, ritiene infatti sussistente l'ipotesi di tentato omicidio a carico della donna, che è stata ascoltata in caserma immediatamente dopo i fatti di questa mattina. Questa prima ipotesi investigativa, dunque, vedrebbe un gesto volontario da parte della 32enne, che avrebbe fatto cadere il piccolo dalla finestra di casa.

I fatti sono accaduti intorno alle ore 10, quando una vicina di casa, rientrando dopo aver fatto la spesa, ha notato il corpo immobile dl bambino sul selciato del cortile interno delle villette a schiera, proprio sotto la finestra dalla quale sarebbe caduto. Da lì l'allarme e l'intervento del 118.

Bambino caduto dalla finestra di casa a Soliera - 31/05/2022

Il bambino è stato trasportato in ambulanza fino alla vicina piazzola dove era giunto l'elisoccorso, che poi ha trasferito il paziente all'Ospedale Maggiore di Bologna. Le condizioni del bambino sono gravi, ma stazionarie. I medici bolognesi non hanno ancora sciolto le riserve sulla prognosi.

I Carabinieri hanno accompagnato in caserma la babysitter, che sarebbe stata sola con il bambino al momento del fatto. I genitori erano infatti regolarmente al lavoro. All'interno dell'abitazione sono stati eseguiti alcuni rilievi scientifici da parte dell'Arma, che potranno fornire elementi utili e più certezze sulla scenda del delitto, se effettivamente tale sarà confermato.

Molto grave un bambino caduto dalla finestra di casa, indagini dei Carabinieri

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soliera, fermata la babyitter del bimbo caduto. Ipotesi di tentato omicidio
ModenaToday è in caricamento