rotate-mobile
Cronaca

Benzinaio rapinato e ferito con un colpo di pistola, fermato un sospettato

Un uomo è indagato per l'aggressione a mano armata di dieci giorni fa a Veggia, dove un 53enne era stato gambizzato e derubato dell'incasso

La sera del 12 settembre il gestore del distributore Enerfuel di via Radice in Monte, a Sassuolo, era stato vittima di un agguato. Il 53enne era stato probabilmente pedinato dopo la chiusura dell'esercizio e poi aggredito mentre depositava il denaro presso uno sportello automatico a Veggia di Casalgrande (RE). 

Secondo quanto ricostruito dall'Arma dei Carabinieri, che indaga sui fatti, il rapinatore armato e a volto coperto avrebbe ingaggiato una colluttazione con la vittima per cercare di strappargli di mano il denaro. Nello scontro il malvivente avrebbe esploso tre colpi di pistola, uno dei quali ha ferito il benzinaio ad una gamba. Il criminale sarebbe poi fuggito - quasi certamente con il supporto di un complice che lo attendeva in auto - con metà dell'incasso della giornata, pari a 2.000 euro.

La vittima era stata soccorsa dal 118 e accompagnata all'ospedale di Sassuolo, dove ancora oggi si trova ricoverato dopo l'operazione chirurgica. Fortunatamente il proiettile non ha causato lesioni gravi.

Nelle scorse ore il Nucleo investigativo del Comando Provinciale di Reggio Emilia e i colleghi dei distaccamenti territoriali interessati (compreso Sassuolo) hanno individuato il presunto responsabile della rapina, un uomo residente a Modena. Le indagini sono ancora in fase embrionale e non sono stati resi noti dettagli, l'uomo è stato sottoposto a fermo su ordine della Procura reggiana.

Rapina a colpi di pistola: ferito un benzinaio di Sassuolo

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Benzinaio rapinato e ferito con un colpo di pistola, fermato un sospettato

ModenaToday è in caricamento