Cronaca Mirandola

Ferrari, 28mila euro a ciascuna famiglia delle 27 vittime del sisma

Montezemolo ha incontrato il sindaco di Mirandola Benatti e i familiari delle vittime del terremoto emiliano, consegnando alle famiglie il totale di 1 milione e 900mila euro ricavati da un'asta benefica del Cavallino

Un milione e 900mila euro alle famiglie delle 27 vittime del terremoto emiliano dello scorso anno. Tanto ha saputo raccogliere la Ferrari con l'asta online lanciata all'indomani del sisma dello scorso anno che ha sconvolto la storia di un intero territorio di cui fa parte anche la Casa del Cavallino anche se fortunatamente in modo più marginale. Ed è stato il presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo a consegnare di persona la somma nel Municipio temporaneo di Mirandola, alla presenza del sindaco Maino Benatti, lamentandosi degli intoppi causati dalla burocrazia. 

Ad accoglierlo e a ringraziarlo molti dei familiari delle persone cui sono state fatali le scosse. “Non dovete ringraziare - ha detto Montezemolo - la Ferrari ha fatto poco, ha fatto quello che doveva fare. Le persone più fortunate devono aiutare chi è nel bisogno. Sarebbe assurdo che non lo facessero, quindi nessun grazie, sono io che sono commosso e orgoglioso di essere qui”. 

La raccolta dei fondi era iniziata dopo la catastrofe all'interno dello stesso stabilimento di Maranello, per poi divenire imponente con l'asta benefica cui hanno partecipato online collezionisti e clienti internazionali. Una Ferrari 599 XX è stata acquistata dal collezionista americano Benjamin Schloss, per il valore di un milione e 400.000 euro, un collezionista malese si è aggiudicato il motore di una F2008, e un altro cliente il musetto di una altrettanto storica Ferrari. Un collezionista russo ha donato spontaneamente 80.000 euro. Montezemolo è stato accolto a Mirandola anche dal presidente generale di Action Aid, Marco De Ponte, l'associazione internazionale a fianco delle fasce più deboli della popolazione, che ha fatto da tramite tra la Casa di Maranello, le istituzioni e i familiari delle vittime. 

Sul fatto che il denaro raccolto sia giunto a destinazione più di un anno e mezzo dopo il sisma, il presidente della Ferrari non ha nascosto il proprio scontento sul 'sistema Italia'. “In appena due settimane avevamo raccolto la cifra per aiutare i familiari - ha detto - poi uno dei tanti mali del nostro Paese, la burocrazia, si è messa di mezzo e solo oggi abbiamo potuto versare la somma. Potevamo farlo in una settimana, diciamo in un mese, invece è trascorso oltre un anno, e se sapevamo che andava così a quest'ora avremmo raccolto più fondi”. La somma sarà suddivisa tra i 67 familiari delle vittime, che riceveranno ciascuna 28mila euro. (ANSA)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrari, 28mila euro a ciascuna famiglia delle 27 vittime del sisma

ModenaToday è in caricamento