Ancora una palestra "mascherata", maxi evasione scoperta a Sassuolo

Formalmente risultava un'associazione sportiva dilettantistica, ma in realtà svolgeva attività puramente commerciale. Per un'impresa di Sassuolo denunce e maxi multa per lavoro nero

I finanzieri della Guardia di Finanza di Sassuolo, nei giorni scorso, hanno eseguito un'ispezione molto accurata in una palestra del centro cittadino, scoprendo che si trattava di una vera e propria attività commerciale. Fin qui nulla di strano, non fosse che la palestra rislutava invece una Associazione sportiva dilettantistica, che non avrebbe potuto svolgere attività di quel genere.

Gli accertamenti condotti dalle Fiamme Gialle sassolesi hanno dimostrato come l’ente in questione aveva potuto beneficiare indebitamente del regime tributario di favore previsto per il cosiddetto “terzo settore”, ma in realtà si occupava a tempo pieno di attività volte al semplice profitto economico, come una qualsiasi impresa commerciale. Proprio i presunti "soci" sono stati i primi a rimanere sorpresi di fronte alla scoperta di essere stati inquadrati, a loro insaputa, quali associati della palestra in questione mentre credevano di frequentare normalmente una struttura come semplici clienti.

Si tratta purtroppo di un fenomeno già conosciuto, che anche nella nostra provincia ha avuto alcuni precedenti: La totale assenza dei requisiti relativi alla partecipazione alla vita e alla gestione dell’associazione da parte dei soci, il mancato rispetto del principio di democraticità interna a vantaggio di una gestione imprenditoriale, la mancanza di validità delle assemblee, hanno comportato il disconoscimento della natura associativa e non lucrativa della palestra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E di conseguenza sono venute a galla le cifre sottratte al fisco. I riscontri eseguiti hanno consentito di recuperare a tassazione un imponibile occultato all’erario per oltre 250mila euro ed accertare violazioni all’IVA per oltre 50mila euro. Inoltre, è stata riscontrata la presenza di 5 lavoratori completamente in nero, per i quali è stata comminata una maxi sanzione pari a 30mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Compie atti osceni e palpeggia una ragazzina al GrandEmilia, arrestato un 40enne

  • Festa de L'Unità, prime anticipazioni sugli spettacoli di Ponte Alto

  • Furto e aggressione con una mazza chiodata, modenese ferito in spiaggia

  • Coronavirus, individuati 56 nuovi casi positivi. Due i decessi

  • Si masturba in piazza, fermato accanto al palco del Radio Bruno Estate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento