San Felice, mette in scena una finta rapina al bancomat per accusare un conoscente

Ora sarà il giovane a dover rispondere di simulazione di reato. Aveva anche fatto trovare ai Carabinieri un coltello in strada

foto di repertorio

Stanco di essere vittima - a suo dire - dei roprusi di un suo coetaneo, un giovane di San Felice sul Panaro ha messo in atto un intricato piano per fare finire nei guai il "rivale". Ineri mattina il ragazzo ha chiamato i carabinieri al 112 e denunciato di essere stato vittima di una rapina: una persona armata di coltello lo aveva affrontato e minacciato di fronte ad uno sportello bancomat, facendosi consegnare i 400 euro appena prelevati.

I militari si sono portati sul posto e hanno raccolto la testimonianza, compresa di descrizione dell'aggressore, e hanno rintracciato il coltello che il presunto criminale aveva abbandonato in strada non lontano dallo sportello bancario. Gli accertamenti eseguiti immediatamente dall'Arma, tuttavia, hanno sconfessato la finta vittima in tempi piuttosto rapidi. Il registro elettronico del bancomat non mostrava nessun prelievo: un primo indizio che è stato poi confermato dalla perquisizione a casa del denunciante, dove si è scoperto che il coltello sequestrato faceva in realtà parte del suo servizio di posate.

Messo alle strette l'autore della messinscena ha confessato e riferendo la vicenda legata al suo conoscente si è limitato a dire ingenuamente ai carabinieri: “Speravo che lo avreste arrestato”. Invece sarà lui a doversi presentare in Tribunale per rispondere di simulazione di reato e
porto abusivo di oggetti atti ad offendere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina all'Eurospin, all'ospedale un dipendente colpito con un fucile

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Assalto armato al portavalori, guardie rapinate all'uscita del Grandemilia

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

Torna su
ModenaToday è in caricamento