rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca Sassuolo

Fondazione vittime reati, contributo alla vedova di Franco Gatti

Nella sede della Fondazione, la Direttrice Lucia Biavati insieme al Vicesindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani hanno incontrato la settimana scorsa la vedova di Franco Gatti, Giordana Notari, e la figlia Elisabetta Gatti, per la consegna del contributo

Un concreto sostegno è giunto dalla “Fondazione emiliano - romagnola per le vittime dei reati” a Giordana Notari, vedova di Franco Gatti: il sassolese assassinato nell’Agosto di due anni fa sulle vicine colline reggianeCome si ricorderà, il caso fece molto scalpore in città, accusato e condannato per l’omicidio fu un ex socio in affari della vittima che, per anni, aveva manifestato l’intenzione di vendicarsi per presunti torti subiti per poi riuscire nell’intento dopo aver attirato Gatti a casa sua con un pretesto. Il corpo di Gatti fu ritrovato senza vita in un pozzo interno alla casa tre giorni dopo la sua scomparsa, mentre la sua auto fu in un primo tempo fatta sparire e, in un secondo momento, data alle fiamme per cancellare ogni traccia.

La deliberazione della Fondazione – presieduta dal senatore Sergio Zavoli e che vede la partecipazione della Regione, delle Province e dei Comuni capoluogo dell’Emilia Romagna - è stata presa su richiesta del Sindaco di Sassuolo. Nella sede della Fondazione la Direttrice Lucia Biavati insieme al Vicesindaco Gian Francesco Menani hanno incontrato la settimana scorsa la vedova di Franco Gatti, Giordana Notari, e la figlia Elisabetta Gatti, e gli hanno consegnato il contributo. La feroce aggressione aveva fatto grande scalpore in Città e le istituzioni hanno ritenuto doveroso non solo esprimere solidarietà ma anche portare un aiuto concreto alla vittima.

Simonetta Saliera, vicepresidente e assessore alle Politiche per la Sicurezza della Regione Emilia-Romagna dichiara: “Siamo molto soddisfatti del lavoro della Fondazione Vittime di Reati. È la conferma dell’importanza della collaborazione tra istituzioni per aiutare le persone che si trovino in difficoltà perché vittime di crimini efferati. Nel caso di Sassuolo, come nel resto della regione, la professionalità degli operatori della Fondazione e degli enti interessati riesce a ridare un po’ di speranza alle nostre comunità, agli interessati oltre che un  aiuto concreto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione vittime reati, contributo alla vedova di Franco Gatti

ModenaToday è in caricamento