rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Cronaca Cittanova / Strada Pomposiana

Formula Student, debutta la nuova monoposto targata Unimore

Il piccolo bolide sviluppato dagli studenti di MMR è stato presentato oggi alla stampa: prenderà parte alle competizioni 2014 riservate ai progetti universitari. Salto di qualità con un nuovo cambio elettropneumatico e telemetria wireless

Continua senza sosta il progetto di MMR, il team composto da docenti e studenti dell'Università di Modena e Reggio Emilia che prende parte da ormai 10 anni alle competizioni di Formula Student, il campionato dove si confrontano le vetture sviluppate dai migliori atenei del mondo. Dopo aver sfruttato le prove di quest'anno sui circuiti di Hockenheim e Varano per completare lo sviluppo, la monoposto per la prossima stagione è stata svelata questa mattina.

Si tratta di una vettura con telaio tubolare in alluminio, che pesa solamente 27,8 Kg e monta un motore quattro cilindri in linea giapponese Suzuki GSX-R 600 K7, di derivazione motociclistica con il quale si riesce a ricavare un ottima potenza di 85 CV. Una peculiarità è l’attuazione elettropneumatica del cambio, con un controllo elettronico dell’intero processo di cambiata, come nelle vetture da competizione più evolute, per il quale si è resa necessaria l'attuazione di una centralina elettronica dedicata. L’elettronica della monoposto MMR è stata particolarmente curata: oltre alla centralina cambio, al display al volante e al cablaggio, è stato realizzato il sistema di telemetria wireless che dà la possibilità di visualizzare i dati acquisiti in vettura dai box, durante la gara.

Fondamentale nella realizzazione del progetto l’aiuto economico giunto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, dall’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia ed ACI Modena, oltre a quello prestato al team modenese da alcuni “sponsor tecnici” come DTS, Saima Avandero, Automobili Lamborghini, Riba Compositi, Me-Cad e EFI Technology srl.

Il Team è composto da circa 30 studenti espressione di molteplici aree ingegneristiche del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” e del Dipartimento di Scienze e Metodi dell’Ingegneria, ovvero dai corsi di laurea in Ingegneria Meccanica, in Ingegneria del Veicolo, in Ingegneria Elettronica ed in Ingegneria Gestionale. Tutti assieme hanno gestito e gestiscono al meglio la progettazione e la produzione della vettura e, come un grande team di Formula 1, si sono suddivisi in vari gruppi: vi è quello dedicato all’Abitacolo/Disegnatori, quello all’Elettronica, l’altro alle Sospensioni/Gruppo Ruota, un altro ancora al Motore e, poi, al Telaio, alla Trasmissione, all’Aerodinamica, al Cost/Business & Presentation.

I risultati di quest’anno hanno visto un miglioramento rispetto alle scorse annate con un ottimo piazzamento a Varano de’ Melegari nell’evento FSAE Italy, dove la squadra si è classificata 23esima su 64 competitors presenti, segnalandosi come prima fra i team italiani nella prova di accelerazione e seconda nella prova di autocross, staccando il miglior risultato dal 2008 nelle gare ufficiali del Campionato Formula SAE. Il prossimo anno la nuova avventura del team MMR proseguirà con la partecipazione alle competizioni ufficiali di Silverstone (Regno Unito) e Red Bull Ring (Austria).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Formula Student, debutta la nuova monoposto targata Unimore

ModenaToday è in caricamento